Riverboat Gamblers
Underneath The Owl

2009, Volcom
Punk Rock

Recensione di Simone Castelli - Pubblicata in data: 18/05/09

Il loro nome nel vecchio continente può non avere un grosso richiamo, ma i Riverboat Gamblers bazzicano la scena musicale da ormai dodici anni e negli Stati Uniti sono sinonimo di live ad altissimo contenuto energetico.


Il nuovo album "Underneath the Owl", il quarto della loro carriera, sarà quello con cui cercheranno di varcare i propri confini. Rispetto ai lavori precedenti le sonorità sono molto più pulite, c'è un maggior lavoro in studio, una crescita. Sicuramente non piacerà ai puristi, che non mancheranno di definirli un gruppo power-pop e ad alcuni vecchi fan, che li lasceranno definendoli "venduti", ma se delle icone internazionali come i Rancid li hanno scelti a supporto del loro prossimo tour vuol dire che le potenzialità ci sono tutte.


In questo nuovo disco i texani non si discostano molto da quanto prodotto in passato; undici tracce di buon punk a stelle e strisce carico di energia, nelle quali l'unica differenza è data la qualità dei suoni, meno rozzi, e da una ricerca melodica più definita. Partendo con l'ascolto, si viene investiti immediatamente da una scarica d’energia, grazie a pezzi quali "DissDissDissKissKissKiss", "A Choppy, Yet Sincere Apology" e "Catastrophe". Il resto delle tracce è, bene o male, una ripetizione che, tuttavia, non annoia mai. Da notare la ritmica di "Pilgrims In An Unholy Land". Unico vero punto di rottura è la ballad "The Tearjerker", che tradisce una vena country, quasi a sottolineare le origini del gruppo. Chiude il tutto una potentissima "Victory Lap".


Se vi piace il punk rock, se nella vostra collezione non mancano album di Green Day, Sum41 o Simple Plan, allora questo disco non vi deluderà: ritmo ed energia in grande stile.





1.DissDissDissKissKissKiss
2.A Choppy, Yet Sincere Apology
3.Catastrophe
4.Alexandria
5.Pilgrims In An Unholy Land
6.Sleepless
7.Robots May Break Your Heart
8.The Tearjerker
9.Keep Me From Drinkin
10.Steer Clear
11.Victory Lap

LiveReport
Sziget 2019: la 27esima rivoluzione dell'amore - Budapest 07/08/19

Intervista
Twilight Force: Alessandro Conti (Allyon)

Recensione
Equilibrium - Renegades

Recensione
Slipknot - We Are Not Your Kind

LiveReport
Metal for Emergency 2019: Anthrax, Destrage & more - Filago 04/08/19

Speciale
Le rinascite di Bruce Dickinson