Anmod
Monstrosity Per Defectum

2008, Deity Down Records
Death Metal

Recensione di Stefano Risso - Pubblicata in data: 27/03/09

Non ci siamo proprio. Questo è il secco responso dopo l'ascolto di Monstrosity Per Defectum, album di debutto dell'ennesima formazione brasiliana che varca i confini nazionali alla conquista degli appassionati nel resto del mondo.

Per dirla alla Abatantuono, la parole d'ordine è sempre la stessa: violenza. Violenza che gli Anmod esprimono in ogni singola traccia di un disco che è pane per i denti dei cronici detrattori del brutal. Tanta velocità, batteria a mitraglia, riff sparati, voce cavernosa, e qualche buon rallentamento. Gli ingredienti minimi per un buon dischetto che non vengono supportati da una dose adeguata di personalità, di idee che non siano riciclate dalla miglior tradizione americana, e soprattutto di ispirazione.

Tante volte ci siamo trovati davanti a gruppi non innovativi, ma che nonostante tutto si lasciavano ascoltare per la qualità della propria musica; con gli Anmod invece si ha come la sensazione di ascoltare realmente la stessa canzone per tutta la durata di Monstrosity Per Defectum, variando quel minimo per giustificare le brevi pause tra un pezzo e l'altro, propinandoci un lavoro privo di spessore, che aggredisce immediatamente ma che non lascia trasparire molto altro.

Un disco sostanzialmente inutile, per musicisti che possono solo migliorare. Arrabbiati lo sono, ora dovrebbero cominciare a suonare col cervello.



1. Serpent-legged

2. Anmod

3. Hung Up At The Pale

4. Wretchedness And Decay

5. Outwitted By Redeeming Features

6. Behold

7. Absence Of An Upper World

8. Impending Loss

9. Weakness Of Will

10. Thoughtlessness

11. Surcease

12. Monstrosity Per Defectum

Intervista
Anneke Van Giersbergen: Anneke Van Giersbergen

Recensione
Epica - Omega

Recensione
Alice Cooper - Detroit Stories

Speciale
L'angolo oscuro #19

Intervista
Epica: Mark Jansen

Intervista
Sirenia: Emmanuelle Zoldan