Antaeus
Blood Libels

2006, Norma Evangelium Diaboli
Black Metal

Recensione di Stefano Risso - Pubblicata in data: 13/04/09

Un posto di rilievo nella tanto (giustamente) osannata scena black metal francese, spetta certamente agli Antaeus, band non propriamente di primo pelo, attiva da oltre un decennio, giunta solo nel 2006 con il terzo album in studio, questo devastante Blood Libels.

Ho detto devastante non a caso, visto che il leitmotiv del disco è mirato unicamente alla distruzione, alla violenza sfrenata, a colpire il più velocemente e inesorabilmente possibile le orecchie degli ascoltatori; insomma, un album che si rivolge esclusivamente a un pubblico di appassionati, a coloro in grado di sopportare (o meglio subire) l'aggressività dei nostri, per arrivare a capire il disco, e apprezzarne anche i contenuti. Infatti Blood Libels non è solo batteria spaventosamente lanciata a velocità folli, riffing serratissimo, e vocals inumane, ma è un lavoro che al di là della ferocia, nasconde una band che è riuscita a plasmare un suono che va oltre la violenza, raggiungendo il risultato prefisso, ovvero presentare buone canzoni, dare una buona identità ai brani, e stemperare la “monotematicità” della proposta lungo tutta la durata del lavoro, rendendolo pienamente ascoltabile dalla prima all'ultima traccia.

Non una cosa semplice vista la continua ricerca a superare ogni record di velocità applicato alla musica. Gli Antaeus sono riusciti a compiere questo piccolo miracolo grazie a una qualità media del riffing molto soddisfacente, che appare sempre sotto controllo, pronto a virare e mutare forma in modo discreto ma efficace, unita a strutture molto ben costruite, con i giusti momenti di pausa tra una sfuriata e l'altra, che non solo danno respiro e spessore all'album, ma rendono ogni ripartenza sempre più annichilente. Molto opportuni anche i campionamenti industrial sparsi per tutto il disco, volti anch'essi a inquietare e destabilizzare l'ascoltatore. Ovviamente Blood Libels non è certo un capolavoro, dal momento che nonostante le qualità espresse, risulta essere fin troppo sparato a tutta velocità, con il rischio di far desistere gli appassionati, abbandonando gli Antaeus prima di averne assaporato i meriti.

Se poi aggiungiamo una produzione molto ben calibrata, adatta al tipo di proposta, una cura grafica di booklet e digipack difficilmente riscontrabile altrove, e l'aurea malefica della Norma Evangelium Diaboli e dei suoi affiliati al Religious Black Metal, diventato ormai un segno distintivo, possiamo dire che Blood Libels è davvero un buon prodotto, che merita l'attenzione degli appassionati. A tutti gli altri un consiglio: girate al largo, potreste farvi del male.



01.Rot

02.Cyklik Torture    

03.Control and Abuse

04.Colliding in Ashes    

05.Words as Weapons    

06.Here is Punishment    

07.Gates to the Outside    

08.Blood Libels

Intervista
Twilight Force: Alessandro Conti (Allyon)

Recensione
Equilibrium - Renegades

Recensione
Slipknot - We Are Not Your Kind

LiveReport
Metal for Emergency 2019: Anthrax, Destrage & more - Filago 04/08/19

Speciale
Le rinascite di Bruce Dickinson

LiveReport
Hellfest 2019 Day 1 - Gojira, Dropkick Murphys and more - Clisson, Francia 21/06/19