Vargton Projekt
ProgXperimental

2011, Lion Music
Prog Metal

Recensione di Alessandra Leoni - Pubblicata in data: 01/01/12

Questo è il primo album dei Vargton Projekt, band formata circa nel 2007 dal chitarrista Mats Hedberg e dal batterista Morgan Ågren come membri stabili della formazione. Vi si sono aggiunti in seguito Bjorn Jansson ed Hans Lundin, rispettivamente in veste di cantante e tastierista, e numerosi collaboratori italiani, come Giovanni Imparato, Fabrizio Sciannameo, Marco Caudai e Lorenzo Feliciati, senza dimenticare Alessandro Gwis.


Questo album è nato attraverso molteplici sessioni di registrazione nel corso degli anni, e da qui si possono capire alcune ragioni per cui quest'album sia piuttosto prolisso, dato che presenta diciotto brani per una durata complessiva di un'ora e venti di musica, e soprattutto si capisce il motivo per cui sia estremamente variegato, forse fin troppo, e chi scrive in questo caso non l'ha trovato un per forza un pregio. La base è sicuramente progressive, combinata a ritmi tribali ed etnici. La combinazione è senz'altro interessante in "Jaipur", o nell'impronunciabile "Uggarderojr". Merita una menzione speciale la trilogia di brani della "Birka Trilogy", per l'originalità e la cura con la quale è stata composta.


Per il resto, rimangono dei brani dalle tinte vagamente jazz, dei brevi intermezzi strumentali come "Outrott" o "Allegro Vivace", ma poco altro, dato che le restanti composizioni sono piuttosto poco ispirate e piuttosto forzate, indebolite da lunghi ed eccessivi assoli di chitarra da parte di Hedberg, che rendono molto difficoltoso l'ascolto. Non si nega la bravura di nessuno in quest'album, anzi, un plauso andrebbe pure ad Ågren alla batteria, data la bravura; molto semplicemente, il grosso problema è che la band ha voluto mettere troppa varietà, combinata a brani molto poco ispirati e mediocri, e ad assoli ripetitivi e prolungati.


Sicuramente, un lavoro che sarebbe potuto essere pregiato e ben fatto se non fosse stato per l'eccessiva lunghezza ed eterogeneità dell'opera. Ad un ascolto più attento, anche la produzione non è esaltante come ci si aspetterebbe per un lavoro così composito. Un po' più di cura e di sana autocritica nella scelta dei brani avrebbero reso questo disco quantomeno sufficiente, più appetibile e meno inaccessibile, probabilmente.





01. Jaipur
02. Ujevkoszonto
03. Uggarderojr
04. Rjoredraggu
05. (Birka Trilogy) I - The Gathering
06. (Birka Trilogy) II - Rendition
07. (Birka Trilogy) III - Defender & Believers
08. Norrsken
09. Lvorna
10. Capriccio
11. U Playin On My Drum
12. Outrott
13. Allegro Vivace
14. Digerrojr
15. Vargton
16. Naudljaus
17. Tokeri 1
18. Tokeri 2

LiveReport
Muse - "Simulation Theory" World Tour - Milano 13/07/19

LiveReport
Rock The Castle 2019 - Day 3: Slayer and more - Villafranca di Verona 07/07/19

LiveReport
Rock The Castle 2019 - Day 2: Slash feat Myles Kennedy & The Conspirators and more - Villafranca di Verona (VR) 06/07/19

LiveReport
Rock The Castle 2019 - Day 1: Dream Theater and more - Villafranca di Verona (VR) 05/07/19

LiveReport
Toto - 40 Trips Around The Sun Tour - Roma 04/07/19

Speciale
ESCLUSIVA: scopri "Sacrilegious", il nuovo singolo degli Sharks In Your Mouth