Dragonland
Under The Grey Banner

2011, AFM records
Power Metal

Recensione di Fabio Petrella - Pubblicata in data: 19/11/11

Va bene che il metal, con tutte le sue sfaccettature a grappoli, è spesso una sagoma bucherellata dalle stesse pallottole, ma continuare a produrre, spalleggiare e pubblicare dischi sinfonici a carattere fantasy è un crimine contro l’umanità.
 

In una scena dove anche i fondatori del genere in argomento, i Rhapsody of Fire, si sono ricreduti (perché hanno forse esaurito le munizioni in cartucciera?) e hanno abbracciato la via del divorzio consenziente, ci vuole il coraggio dei Dragonland - che forse credono di aver trovato la gallina dalle uova d’oro - per proseguire la ricerca di terre incantate e reami leggendari, in uno sperpero doloso e travagliato degli scritti di Tolkien. Un perché a “Under The Grey Banner” non saprei darlo, e la sua scintilla concettuale è una dottrina che non ci viene concessa di sapere. Ma, in fondo, non si può dar addosso ai Dragonland che nel disco hanno infuso tutto il loro mestiere. La cornice stralunata, le melodie della domenica, le narrazioni filmografiche, la teatralità dei brani e gli intermezzi inutili per collegare i capitoli della trama ci sono tutti. Il cerchio si chiude a dovere, come un serpente che si morde la coda. Però, alla fine dei conti, la voluttà di questo sforzo discografico rimane un mistero. Il genere letterario fantasy è zeppo di autori al limite della decenza, ma il suo risvolto musicale non è da meno visto che dal boom rhapsodiano il metal si è infarcito della stessa pochezza. Messi da parte i cantori triestini, le band da tenere d’occhio in questo filone gommoso si contano sulla punta delle dita. Cito per onor di cronaca i francesi Fairyland, senza dubbio meritevoli, ma scavando ancora nella memoria si finisce per contare le pecore che saltano sullo steccato.

 

I Dragonland sono attivi dal 2001 ed evidentemente nessuno hai mai detto loro di stare sfrecciando in una pista bagnata con i pneumatici sbagliati. La storia dell’Hollywood Metal - oramai dovrebbe essere chiaro a tutti - non è infinita come la novella di Michael Ende e se anche la band archetipo ha iniziato a perdere i pezzi un motivo, nemmeno poi tanto segreto, ci sarà.





01. Ilmarion

02. Shadow Of The Mithril Mountains

03. The Tempest

04. A Thousand Towers White

05. Fire And Brimstone

06. The Black Mare

07. Lady Of Goldenwood

08. Dûrnir's Forge

09. The Trials Of Mount Farnor

10. Throne Of Bones

11. Under The Grey Banner

12. Ivory Shores

LiveReport
Loud And Proud Fest - Paderno Dugnano (MI) 09/11/19

LiveReport
Opeth - In Cauda Venenum Tour - Milano 09/11/19

LiveReport
Jethro Tull - 50 Anniversary Tour - Roma 07/11/19

Speciale
Quiet Riot - Hollywood Cowboys

Speciale
Foals - Everything Not Saved Will Be Lost Part 2

Intervista
Blind Guardian Twilight Orchestra: André Olbrich