Lenny Kravitz
Black And White America

2011, Roadrunner Records
Pop Rock

L'artista americano torna sulle scene con un lavoro più che soddisfacente

Recensione di Andrea Mariano - Pubblicata in data: 15/09/11

Un'America in bianco e nero, un bianco e nero che rievoca anche le origini di Lenny Kravitz, figlio di padre di origini ucraine e madre originaria delle Bahamas. Un bianco e nero che altresì non fa mistero degli alti e bassi della sua carriera. Dopo tre anni passati a comporre una gran quantità di materiale nuovo, ecco che ci ritroviamo tra le mani “Black And White America”, il nono album di inediti del cantante e chitarrista americano.


Il Nostro ha sempre avuto la fortuna di pubblicare dischi dall'alto potenziale commerciale, ma che generalmente da un po' di tempo non avevano un adeguato riscontro qualitativo, se non in episodi isolati che perlopiù venivano sagacemente scelti come singoli. Nel caso specifico, “Black And White America” tenta di proseguire il già buon lavoro espresso nel precedente “It Is Time For A Love Revolution”, e per certi versi non ci allontaniamo poi molto dal sentiero qualitativo intrapreso tre anni fa. Sin dal primo ascolto si nota come l'album sia nettamente diviso in due parti. La prima metà del disco è un turbinio di soul, funk e rock che crea atmosfere coinvolgenti e colme d'energia , con quel leggero tocco ruffiano che permette ad ogni canzone di essere una potenziale futura hit. Non deve quindi stupire se in “Come On Get It” troviamo un Kravitz più vicino ai lavori degli anni '90 grazie anche ad un sapiente mix di fiati e chitarre (pregevole, tra l'altro, l'assolo dello stesso Lenny), se nella title track ed in “Super Love” si strizza l'occhio al soul – funk degli anni '70, o se il singolo “Stand” risulta così semplice nella struttura, eppure così orecchiabile. A concludere idealmente la parte più energica dell'album è “Everything”, una sferzata del più genuino e classico rock n' roll tanto caro al musicista americano. L'unica nota stonata di questa prima parte è “Boongie Drop”, collaborazione con il celebre rapper Jay Z e Dj Military: non che la canzone sia particolarmente brutta, ma semplicemente è assolutamente fuori contesto.


La seconda metà del nuovo lavoro di Lenny Kravitz è caratterizzata da toni decisamente più rilassati e più intimi. Eccezion fatta per la divagazione sudamericana di “Sunflower” e per la (un po' troppo) lineare “Life Aint Ever Been Better Than It Is Now”, vi è ampio spazio per ballad e brani intimisti come “I Can't Be Without You” e l'ottima “Dream”, e questo forse è il limite maggiore di “Black And White America”: questa netta distinzione tra canzoni energiche e canzoni più pacate crea dei momenti in cui l'attenzione scema e l'ascolto diventa meno fluido. Se la disposizione dei brani all'interno dell'album fosse stata più bilanciata, se ci fosse stata un'alternanza maggiore tra momenti più coinvolgenti ed attimi più sommessi, sicuramente la facilità d'ascolto ne avrebbe giovato.

Peccato per la disposizione della tracklist e per un paio di brani francamente superflui che in parte minano la fluidità dell'ascolto, ma a conti fatti è innegabile la bontà di fondo del disco: un lavoro privo di particolari difetti, ben prodotto e suonato altrettanto bene, godibile e coinvolgente in più d'una occasione.





01. Black and White America
02. Come On Get It
03. In the Black
04. Liquid Jesus
05. Rock Star City Life
06. Boongie Drop (Featuring Jay-Z and DJ Military)
07. Stand
08. Superlove
09. Everything
10. I Can’t Be Without You
11. Looking Back on Love
12. Life Ain’t Ever Been Better Than It Is Now
13. The Faith of a Child
14. Sunflower (Featuring Drake)
15. Dream
16. Push

Speciale
Sei valide ragioni per partecipare al Copenhell

LiveReport
Sziget 2019: la 27esima rivoluzione dell'amore - Budapest 07/08/19

Intervista
Twilight Force: Alessandro Conti (Allyon)

Recensione
Equilibrium - Renegades

Recensione
Slipknot - We Are Not Your Kind

LiveReport
Metal for Emergency 2019: Anthrax, Destrage & more - Filago 04/08/19