Rain
Come Back A-Live [DVD]

2010, Crotalo Edizioni Musicali
Heavy Metal

Recensione di Federico Botti - Pubblicata in data: 19/01/11

I Rain sono una band oserei dire storica del panorama metal tricolore. Formatisi nel 1980 si consolidano (a livello di formazione) solo 18 anni dopo, e da lì in poi è un continuo susseguirsi di live, tour e album. Il presente DVD “Come Back A-Live” immortala i Nostri in due delle attività sopracitate: il tour negli USA con i W.A.S.P. e il live a Russi (RA), entrambi nel maggio 2010 e a supporto dell’ultimo lavoro in studio, “Dad Is Dead”.

Il DVD delinea perfettamente quelli che sono i tratti distintivi della band: professionali e tecnicamente dottissimi sul palco, cazzoni e sempre pronti a scherzare fuori da esso, in generale cinque ragazzi con tanta voglia di far divertire e divertirsi. Queste caratteristiche risaltano particolarmente in quella che è la dimensione perfetta della band, ossia il live: in esso i Nostri si esaltano, sprizzando energia e entusiasmo a ogni nota, incitando continuamente il pubblico e coinvolgendolo nei vari pezzi e cori. Il gruppo sa stare sul palco, e ciò è indubbiamente merito della lunga gavetta alle spalle, che ha conferito ai Rain sicurezza e spontaneità. Scendendo nel dettaglio, il resoconto del tour americano riporta sia spezzoni di concerti tenutisi in vari locali e club del paese (i Nostri si sono lanciati in un coast-to-coast invidiabile ma di certo snervante) sia sketch e gag realizzate durante i vari spostamenti. E’ proprio in questi momenti che emerge l’anima festaiola del gruppo, che sembra più una classe in gita all’estero, tale è l’entusiasmo e l’allegria che sa comunicare. Da un punto di vista tecnico non sempre l’audio è di buona qualità, risultando talvolta ovattato e penalizzato da una registrazione che in alcuni punti non è proprio il massimo.

La seconda parte, il live a Russi del primo maggio scorso, è dal punto di vista tecnico sicuramente migliore: audio perfetto, sembra di essere sotto il palco assieme alla “Rain Crew”. Durante questo concerto i Nostri hanno riproposto parte della scaletta dell’ultimo loro album (a eccezione di un paio di pezzi ad esso non appartenenti, la cover di “Highway To Hell” messa a chiusura e “Only For The Rain Crew”, brano anthemico manifesto della band).  Tra le canzoni proposte spiccano senza dubbio, oltre alle sopraccitate, anche “Dad Is Dead”, “Mr 2 Words”, la cover di “Rain” e “Rain Are Us”, altro pezzo forte del gruppo, in grado di catturare immediatamente la partecipazione del pubblico. Sono tutti brani di onesto heavy metal che si ricollega ora alla tradizione del NWOBHM ora alla tradizione di rock “stradaiolo” losangelino, ma sono suonati con grande tecnica e passione, passione che immancabilmente viene trasmessa anche alla platea, grazie soprattutto al lavoro degli stessi componenti del gruppo che non perdono occasione (soprattutto Francesco e Amos) per incitarla e attirarla a sé.

Si tratta di un DVD divertente, che ha il grosso pregio di farti sentire, alla fine, quasi come parte integrante della “famiglia Rain”, pienamente coinvolto e parte integrante dell’esperienza che questi ragazzi hanno vissuto. I Rain sono una gran bella realtà, una band che suona da praticamente trenta anni con grande passione e grande cuore, caratteristiche che, anche da sole, la elevano al di sopra di tanti gruppi nostrani (e di alcuni anche stranieri): il DVD ci fa apprezzare il lato live del gruppo, quello più divertente e, senza dubbio, quello maggiormente in grado di far risaltare le loro ottime caratteristiche. Non solo per i fan dunque, ma anche per chi cerca un po’ di sano heavy metal suonato come Dio comanda.




PARTE I: USA Tour Report Maggio 2010-12-28


PARTE II: Live in Russi (RA) 01/05/2010

01. Love In The Back
02. Dad Is Dead
03. Mr. 2 Words
04. Rain
05. Swan Tears
06. Rain Are Us
07. Red Kiss
08. Bang Bus
09. Only For The Rain Crew
10. Highway To Hell


PARTE TRE: Contenuti speciali

LiveReport
Pixies - UK & Europe Tour 2019 - Bologna 11/10/19

Recensione
Nick Cave & The Bad Seeds - Ghosteen

Videointervista
Lacuna Coil: Cristina Scabbia, Andrea Ferro

Recensione
Lacuna Coil - Black Anima

Recensione
Helloween - United Alive

Intervista
Johnny Marr: Johnny Marr