Atlantean Kodex
The Golden Bough

2010, Cruz Del Sur
Epic Metal

Recensione di Fabio Petrella - Pubblicata in data: 04/01/11

Un tempio arcano isolato dalle acque. Fronde di spigolosi squamiforme che si proiettano nella contratta realtà evocata dalla quarta cornice del Die Toteninsel di Arnold Böcklin. Un misticismo alla base del ciclo vitale. La trasposizione di un culto che ruota attorno alla morte e alla resurrezione di un re-sacerdote sacro. Un ramo d’oro, il risveglio di primavera, la chiave per tornare nella terra dei vivi. Le teorie di Sir James Frazer e, infine, un antico tomo proibito macchiato a sangue dalle profezie del solitario di Providence, H.R.Lovecraft.

 

“The Golden Bough”, debutto dei tedeschi Atlantean Kodex, è un po’ tutto questo. Uno studio sulla magia e la religione finalizzato all’esposizione in musica di uno stile vecchio e mitologico come le teorie contemplate a livello testuale: l’epic metal. A ben vedere, quindi, nulla di particolarmente progressista. Un volume volutamente voluminoso, greve, epico e marziale. Quello che praticamente Quorthon faceva vent’anni fa, senza nessuna distinzione, gli Atlantean Kodex lo fanno oggi, con la piccola differenza che, a mio modo di vedere, bisogna fare dei due pesi due misure. Tecnicamente cambia poco o nulla, anche il pathos espresso è potenzialmente credibile, ma affrontare per intero l’album può risultare pesante come un pellegrinaggio forzato dalla devozione. Dalla stampa specializzata, sia italiana che estera, The Golden Bough è stato accolto tra lodi e corone d’alloro, ma io non ci vedo altro che un tributo ben fatto ai vari signori della guerra metallica, ma posso benissimo sbagliarmi. Canzoni lunghe, tempi cadenzati, cori maestosi etc etc. Ok, tutto molto bello. Ma se devo sentirmi Hammerheart o Twilight of the Gods preferisco di gran lunga gli originali.

 

Gli Atlantean Kodex, visionari di un nuovo mondo ancestrale, custodi del passaggio tra i due mondi, cantori di folclore e grezzi metallari, portano l’acqua al proprio mulino facendo leva sui monumenti epici degli anni novanta e ottanta, aprendo la strada a una sequenza mortalmente anacronistica ma di sicuro effetto.





01. Fountain of Nepenthe

02. Pilgrim

03. The White Goddess

04. Temple of Katholic Magick

05. Disciples of the Iron Crown

06. Vesperal Hymn

07. The Atlantean Kodex

08. A Prophet in the Forest

09. The Golden Bough

Intervista
Tyler Bryant & The Shakedown: Tyler Bryant

LiveReport
Nick Mason's Saucerful Of Secrets - Roma Summer Fest 2019 - Roma 16/07/19

LiveReport
Muse - "Simulation Theory" World Tour - Milano 13/07/19

LiveReport
Rock The Castle 2019 - Day 3: Slayer and more - Villafranca di Verona 07/07/19

LiveReport
Rock The Castle 2019 - Day 2: Slash feat Myles Kennedy & The Conspirators and more - Villafranca di Verona (VR) 06/07/19

LiveReport
Rock The Castle 2019 - Day 1: Dream Theater and more - Villafranca di Verona (VR) 05/07/19