Daemonia Nymphe
Live At La Nuit Des Fees 2009

2010, Prikosnovenie
Folk

Recensione di Gaetano Loffredo - Pubblicata in data: 27/06/10

E’ sempre un piacere ricevere materiale promozionale dalla francese Prikosnovenie. In redazione è pervenuto il consueto pacchetto concernente La Nuit Des Fées, manifestazione medievale che si tiene ogni anno nella suggestiva Clissòn (France), borgo abitato da cinquemila anime, incastonato nella Loira, il cui epicentro è una splendida roccaforte del tredicesimo secolo, abbattuta alla fine del millesettecento e risorta dalle sue rovine. L’edizione 2009 ha registrato la partecipazione di alcuni gruppi di successo del roster Prikosnovenie, tre dei quali sono stati scelti e inseriti nel DVD appena pubblicato: Daemonia Nymphe (Grecia), Corde Oblique (Italia) e Djaima (Bulgaria).

Ampio spazio è stato concesso alla performance dei greci Daemonia Nymphe, che per la prima volta appaiono su un supporto audio-video e il cui show è stato registrato per intero (52 minuti), 22 minuti lasciati ai nostri Corde Oblique e 10 soltanto ai Djaima che, francamente, non mi hanno lasciato un’impressione troppo favorevole.

Nonostante siano i Daemonia Nymphe a marchiare la copertina del dvd coi caratteri più evidenti, è palese la superiorità esecutiva e compositiva del gruppo di Riccardo Prencipe, lo sanno bene anche alla Prikosnovènie visto che dopo la breve presentazione del festival piazzano in apertura proprio i Corde Oblique, coi quali è pressoché impossibile fallire. Riccardo imbraccia orgoglioso la sua chitarra classica introducendo “La Quinta Ricerca”, Claudia Sorvillo lo accompagna con la voce soave ed Edo Notarloberti chiude il cerchio con il violino. Bene anche Umberto Lepore al basso e Alessio Sica alla batteria. Il menestrello italiano concede la strumentale Captatio Benevolae prima di tuffarsi nel capolavoro “Venti Di Sale”, tratta dall’ultimo meraviglioso “The Stones Of Naples”. Poi l’omaggio con l’altra strumentale “Normandia”, il vorticoso assolo di Edo Notarloberti che strappa consensi ovunque e l’ormai celebre cover degli Anathema, “Flying”, letteralmente baciata da una Claudia Sorvillo sempre più imprescindibile.

E’ poi il turno dei Daemonia Nymphe che forniranno uno spettacolo certamente più scenico e teatrale dei nostri Corde Oblique, forse più evocativo, col quale sono riusciti ad intrattenere per bene il nutrito pubblico presente, ma se ci soffermiamo al lato squisitamente musicale beh… di polvere ne hanno mangiata sin troppa. D’accordo, il repertorio non è accostabile a quello dei Corde Oblique, ma nel genere ci sono in ogni caso gruppi nettamente superiori (vedi i nostri Hexperos o i tedeschi Faun) che hanno dalla loro un songwrtiting imparagonabile. Chiudono i Djaima con dieci minuti di folk di tradizione bulgara, stucchevole e molto poco attraente.

Buono, anzi ottimo il comparto tecnico del DVD, le riprese e la regia sono soddisfacenti, l’audio è di elevata qualità. La mancanza di materiale aggiuntivo, escludendo i cinque minuti di introduzione al festival e un videoclip dei Daemonia Nymphe, non regala “appeal” ad un prodotto in ogni caso apprezzabile e rilasciato a prezzo significativo. Certo, senza Corde Oblique non si canta messa, che se li tengano ben stretti.



DVD 19 tracks vidéo - 90 min :

Festival presentation (5 min)

Daemonia Nymphe (52 min)

01.Physeos
02.Daemonos
03.The Bacchic Dance Of The Nymphs
04.Divined By Trophonios
05.The Calling Of Naiades
06.Summoning Divine Selene
07.Hymn To Bacchus
08.Dios Astrapaiou
09.Ecstatic Orchesis
10.Tyrvasia
11.Dance Of The Satyrs

Corde Oblique (22 min)

01.La Quinta Ricerca
02.Captatio Benevolentiae
03.Venti Di Sale
04.Normandia
05.Solo Edo Notarloberti
06.Flying (Anathema's cover)

Djaima (10 min)

01.Horo
02.Mamo

Clip Daemonia (3 min)

LiveReport
Tenacious D: Post-Apocalypto Tour 2020 - Milano 19/02/20

Recensione
Tame Impala - The Slow Rush

Intervista
Dropkick Murphys: Matt Kelly

Intervista
Sabaton: Hannes Van Dahl

LiveReport
Slipknot e Behemoth: così parlò la maschera, il racconto del concerto di Milano - Assago (MI) 11/02/20

Recensione
Green Day - Father Of All...