Robben Ford
Bringing It Back Home

2013, Mascot Label Group
Blues

Recensione di Luca Ciuti - Pubblicata in data: 13/02/13

Robben Ford è uno di quei nomi verso cui è facile provare una sorta di timore reverenziale. Chi come noi lo conosce in maniera sommaria, ne riconosce la fama derivata dalle sue indubbie doti chitarristiche. Un artista capace di far parlare ancora per la sua musica, e di questi tempi non è poco.
 
“Every thing I Do it’s Gonna Be Funky”, tuona Robben Ford nel pezzo d’apertura ma per fortuna, o purtroppo a seconda dei punti di vista, non vi è alcuna presenza massiccia di funky nel disco del chitarrista americano. “Bringing It Back Home”, si capisce dal titolo, è il ritorno alle origini di un artista che nasce nel jazz ma che nel blues ha trovato la sua consacrazione. Resta la formula vincente del connubio fra i due generi, con una marcata predilezione per i toni soffusi e le sonorità pulite che il jazz assume in tutte le sue forme. Un disco pervaso dai toni delicati, in cui non mancano sprazzi di ritmo (“You Go Your Way And I’ll Go Mine”, “Fair Child”) e che, un po’ a sorpresa, esalta le qualità della voce di Ford, per la quale il chitarrista sembra  aver davvero trovato l’elisir di giovinezza. “On That Morning” sono i sette minuti più emozionanti di tutto il lavoro, autentiche atmosfere notturne dominate da un Hammond d’altri tempi, oltre che dalla delicata mano di Robben Ford. “Bringing It All Back Home” è il prodotto di un autentico maestro, capace di arricchire il proprio sound con mille tonalità dal jazz, allo shuffle fino all’uso dei fiati.
 
Abbiamo tentato di raccontarvelo, ma certi dischi vanno ascoltati in tutta calma e religioso silenzio, alla maniera di un vino d’annata. Fatelo vostro.




01. Everything I Do Gonna Be Funky
02. Birds Nest Bound
03. Fair Child
04. Oh, Virginia
05. Slick Capers Blues
06. On That Morning
07. Traveler’s Waltz
08. You Go Your Way And I’ll Go Mine
09. Trick Bag
10. Fool’s Paradise

Speciale
Blue Öyster Cult - Hard Rock Live Cleveland 2014

Intervista
Mortiis: Håvard Ellefsen (Mortiis)

Intervista
Marko Hietala: Marko Hietala

Recensione
Sons Of Apollo - MMXX

Videointervista
Joe Bastianich: Joe Bastianich

Intervista
Il punk ai tempi di Trump: Pat, Anti-Flag