Royal Republic
Save The Nation

2012, Warner Music
Rock

Recensione di Alessandra Leoni - Pubblicata in data: 18/10/12

I Royal Republic, forti del successo che hanno avuto negli ultimi due anni, partendo dall'esplosivo debut album "We Are The Royal", tornano alla carica, con un nuovo e fiammante secondo full-length, intitolato "Save The Nation", che si preannuncia come vera e propria ancora di salvataggio dalla noia e dalla monotonia delle nostre giornate uggiose, soprattutto adesso che ha avuto inizio l'autunno.


Ed eccoli qua di nuovo gli svedesi, con la consueta sfacciataggine, buttarci nelle orecchie singoli semplicissimi, dai testi diretti ed anche brillanti, ma estremamente rock nelle sonorità ed orecchiabili come "Addictive" - non si può fare a meno di esserne di-di-di-dipendenti dopo i primi ascolti - o come "Be My Baby", che finiscono per far canticchiare tutti, volente o nolente. "Make Love Not War (If You Have To Make War, Make Sure To Make Time To Make Love In Between)" si candida come perla irriverente, ma in fondo anche come perla di saggezza, del full-length, assieme a "Everybody Wants To Be An Astronaut" - pensateci bene: non vi suona come una presa in giro di una canzone di un cartone animato Disney? Questi ragazzi in chiave rock snocciolano tante piccole quotidiane verità, tra una sferzata di chitarra e l'altra, come in "Strangers Friends Lovers Strangers" o "You Ain't Nobody (‘Til Somebody Hates You)". In questo mare di rock piacevole, spicca anche un accenno di punk, come "Punch Drunk Love".


"Save The Nation" forse ha il difetto di non proporre assolutamente nulla di nuovo rispetto al debut album, e di non proporre nulla di nuovo in generale, se non del buon ed onesto rock ‘n' roll scanzonato ironico ed auto-ironico; tuttavia ha il pregio assoluto di rimanere fresco e vigoroso nella sua proposta, che non perde di forza ed energia soprattutto in sede live, come potete leggere nei nostri report. Ma forse, chiedere radicali cambi stilistici ai Royal Republic, di fronte all'allegria ed al buon umore che mette "Save The Nation", può sembrare decisamente una richiesta fuori luogo.





01. Save The Nation
02. You Ain't Nobody ['Til Somebody Hates You]
03. Be My Baby
04. Everybody Wants To Be An Astronaut
05. Make Love Not War [If You Have To Make War - Make Sure To Make Time To Make Love In Between]
06. Strangers Friends Lovers Strangers
07. Addictive
08. Molotov
09. Punch Drunk Love
10. Sailing Man
11. Let Your Hair Down
12. Revolution

Intervista
Opeth: Fredrik Åkesson

Speciale
ESCLUSIVA: ascolta lo streaming di "Il Primo Uomo Sulla Luna"

LiveReport
Nightwish - Decades World Tour - Assago (MI) 04/12/18

Speciale
ESCLUSIVA: ascolta lo streaming de "Il Vento"

Speciale
PREMIERE: guarda il video di "Nowhere Latitude"

Speciale
ESCLUSIVA: ascolta lo streaming di "Handle With Care"