Kreativ In Den Boden
Disco Suicide

2012, Pogoselvaggio! Records
New Wave

Recensione di Fabio Rigamonti - Pubblicata in data: 07/08/12

Con un moniker ed una cover di questo tipo, cosa ci si può aspettare dal debutto dei milanesi Kreativ In Den Boden se non una retromaniaca new wave ottantiana che guarda direttamente alla Germania geometrica dei Kraftwerk ed alla desolazione balcanica?

Nulla, difatti questo “Disco Suicide” è un disco di retromaniaca new wave ottantiana che guarda direttamente alla Germania geometrica dei Kraftwerk ed alla desolazione balcanica, con quel suo mood dandy annoiato ed aristocratico che aggiunge freddezza e desolazione al quadro di insieme (ascoltate “CLUB”). Il trio, negli effetti, è anche capace, e l’operazione riesce abbastanza felicemente anche grazie ad un certo senso di romantica decadenza (la fisarmonica sintetica di “Like The Waves Of The Sea”) e deliri cosmici ed ambientali (la conclusiva “Outher Space”, non a caso bonus track un po’ slegata dal contesto musicale)…tuttavia, alla fine del disco non è chiaro se per una mancanza di solidità da parte della band, oppure per questo sguardo perennemente rivolto all’indietro, tutto questo interesse scema man mano ci si avvicina alla conclusione dell’opera.

Buoni presupposti non del tutto appagati, quindi, perché qui sembra proprio mancare quel quid che possa rendere il tutto moderno e fresco. Se è dunque l’intransigenza ciò che andate cercando, col cuore ripieno di struggimento per la Yellow Magic Orchestra, allora andate pure sul sicuro con i Kreativ In Den Boden (con un nome così!). Tutti gli altri: märz decisa verso il prossimo disco! 




01. Disco Suicide
02. CLUB
03. Automatischer Tod
04. Drown (Chrome Cover)
05. Electronic Warfare
06. Happiness Brings Loneliness
07. Like The Waves Of The Sea
08. You Are Still Queen
09. Other Space (Bonus Track)

Intervista
Anneke Van Giersbergen: Anneke Van Giersbergen

Recensione
Epica - Omega

Recensione
Alice Cooper - Detroit Stories

Speciale
L'angolo oscuro #19

Intervista
Epica: Mark Jansen

Intervista
Sirenia: Emmanuelle Zoldan