John Wesley
The Lilypad Suite

2012, Madfish
Rock

Un emozionante album di rock atmosferico tutto da ascoltare
Recensione di Alessandra Leoni - Pubblicata in data: 04/07/12

Gli amanti e gli appassionati dei Porcupine Tree - ma anche quelli dei Marillion - conosceranno bene il chitarrista e cantante John Wesley, che negli anni si è costruito la sua discreta carriera solista con sette album all'attivo, incluso questo "The Lilypad Suite".


Preparatevi per un viaggio nel rock più atmosferico, dalle vaghe sonorità psichedeliche, perché questo full-length va gustato nella sua interezza - e la parola suite è quantomai azzeccata, in questo caso, dato che si tratta di una successione di brani tenuti insieme da un filo rosso, la triste storia di una ragazza senza padre e che sente profondamente la mancanza di questa figura. Dunque, partiamo dalla prima traccia, la sincera "An Elegant Mess", per poi incontrare brani principalmente rock, che si contraddistinguono per la produzione pulita ed equilibrata e per la sincerità dei testi. "Walls Of America" e "A Glittery Of Nothing" sono un esempio di quanto detto, sono brani estremamente gradevoli ed orecchiabili e cantabili, arricchiti dalla bella prova vocale di Wesley, che non urla, non si lancia in virtuosismi eccessivi, ma aggiunge un che di intimo e di poetico all'atmosfera generale delle canzoni. "Lost" e "Firelight" chiudono questo "The Lilypad Suite", prima su note apparentemente agrodolci, un po' amare, per poi diventare proprio in "Firelight" un'esplosione di speranza e positività. Da notare e da ascoltare in sottofondo le suggestive voce che accompagnano e sostengono l'accompagnamento e l'assolo di chitarra finale, grintoso, ma equilibrato, rispecchiando pienamente l'atmosfera generale dell'album.


"The Lilypad Suite" scivola via in soli otto brani, come l'acqua che scorre sotto la ninfea della copertina. Certo, questo disco non farà la storia del rock, ma se ha un pregio notevole è proprio rimanere impresso nelle orecchie, per la sua semplicità, per la sua produzione curata. Vi ritroverete a cantare inconsapevolmente, per esempio, "You gotta be brave, you gotta be strong, if you gonna be free, trapped in this small world" ascoltando "Free" e ne apprezzerete l'essenzialità e la scorrevolezza. Vi ritroverete ad ascoltare questi otto brani più di quanto possiate immaginare ed ogni volta sarà come ritornare ad un completo stato di pace e di serenità; perché la musica serve anche a questo. Bravo, John!





01. An Elegant Mess
02. Free
03. A.M.V
04. Walls Of America
05. A Glittery Of Nothing
06. Still Waiting
07. Lost
08. Firelight

LiveReport
Pixies - UK & Europe Tour 2019 - Bologna 11/10/19

Recensione
Nick Cave & The Bad Seeds - Ghosteen

Videointervista
Lacuna Coil: Cristina Scabbia, Andrea Ferro

Recensione
Lacuna Coil - Black Anima

Recensione
Helloween - United Alive

Intervista
Johnny Marr: Johnny Marr