Serious Black
Mirror World

2016, AFM Records
Power Metal

Il Power Metal non è morto.
Recensione di Federico Falcone - Pubblicata in data: 28/08/16

Fondati nel 2013 da Roland Grapow, ex Helloween, e Mario Lochert, ex Vision Of Atlantis, i Serious Black, nel giro di 3 anni, sono passati dallo status di band culto a vera e propria rivelazione nell'ambito del power metal.

 

"Mirror World", edito dalla AFM Records, conferma lo stato di grazia che il gruppo sta attraversando, essendo un album che gli amanti del genere troveranno di assoluto valore. Il disco si apre con Breaking The Surface, intro epica, evocativa, e dai forti richiami al power metal di matrice scandinava, sinfonico e melodico come da tradizione. Dietro le pelli troviamo troviamo Thomen Stauch, storico batterista dei mai troppo amati Blind Guardian, capace ancora di dare un contributo eccezionale in termini di composizione come nel caso di Castor Skies, traccia che richiama le gesta dei bardi di Krefeld in album quali Battallions Of Fear e Tales From The Twilight World.

 

L'album si lascia ascoltare in scioltezza, sintomo della grande qualità e naturalezza con cui i Serious Black approcciano al genere, alle sue dinamiche, e, perché no, anche ai suoi clichè, risultando, però, sempre piacevoli ed interessanti. Dopo Heartbroken Souls, si tira il fiato con la semi ballad Dying Hearts, dove il singer Urban Breed si dimostra perfettamente a suo agio anche in tonalità più basse e dall'impronta narrativa. You're Not Alone è il classico pezzo di matrice Helloween, in cui trova spazio la larga influenza dell'heavy metal di stampa teutonico. In conclusione, Mirror World è un album che gli amanti del genere sicuramente apprezzeranno, ma che mi sento di consigliare anche a chi è in cerca di sonorità più melodiche, ma non per questo, meno aggressive.





01.Breaking The Surface
02.As Long As I'm Alive
03.Castor Skies
04.Heartbroken Soul
05.Dying Hearts
06.You're Not Alone
07.Mirrorworld
08.Emotional Blackmail (Digipack Bonus)
09.The Life That You Want (Digipack Bonus)
10.State of My Despair
11.The Unborn Never Die
12.This Machine Is Broken"(Digipack Bonus)
13.Hello Moon (Digipack Bonus)
14.Goodbye My Angel (Digipack Bonus)
15.I Show You My Heart - acoustic version (Digipack Bonus)
16.Sealing My Fate - acoustic version (Digipack Bonus)

Recensione
Greta Van Fleet - The Battle At Gardenís Gate

Speciale
Intervista - While She Sleeps (Loz)

Speciale
L'angolo oscuro #22

Speciale
FM - Tough It Out Live

Speciale
The End Machine - Phase2

Recensione
Primal Fear - I Will Be Gone [EP]