Phantom 5
Play to Win

2017, Frontiers Music
Melodic Hard Rock

Recensione di Simone Muzzoni - Pubblicata in data: 17/10/17

A poco più di un anno dall'elettrizzante debutto discografico, il supergruppo di matrice teutonica Phantom 5, capitanato da Claus Lessmann e Michael Voss torna in chiave old-style hard rock usando come polare le coordinate sonore dei Bonfire. Entrambi i musicisti fecero parte infatti della famosa band di Ingolstadt e, se Voss vi suonò solo per pochi anni, lasciandola prima del debutto discografico dell'86 per andare a formare i Casanova, Claus Lessmann fu invece la vera anima del gruppo, dietro il microfono e nella stesura dei pezzi, fino al recente split del 2015.


A completare il combo troviamo Axel Kruse alle pelli (ex Jaded Heart) e Robby Boebel alla chitarra ritmica, mentre per l'occasione Voss si disimpegna anche al basso oltre che nella consueta veste tuttofare di chitarrista e produttore, sostituendo Francis Buchholz che aveva partecipato al primo disco della band. L'abbandono dello storico bassista degli Scorpions è tuttavia un colpo non di poco conto, soprattutto dal punto di vista compositivo, considerandone il grande talento ed esperienza internazionale.

 

A differenza dell'eponimo debut album, in questo "Play to Win" vengono in parte abbandonate le influenze melodiche riconducibili all'AOR d'oltreoceano, per concentrarsi su un hard rock granitico di chiara matrice teutonica, spinto di frequente sull'acceleratore. E' subito questo il trend delle opener "The Change in You" e "Crossfire", brani energici macchiati però di una certa ripetitività di fondo; mentre una maggiore ricercatezza melodica affiora in "Baptized", dagli effetti chitarristici effervescenti sia nell'intro che nelle strofe, uniti ad un testo molto toccante che denota una grande nostalgia della scena musicale anni '80.


Tra i brani sicuramente più interessanti e particolari vi è la title track: combinando il sofferto intro pianistico con i consueti riff potenti, armonizzati con le tastiere in sottofondo, riesce a creare un interessante ibrido tra AOR e hard rock old style. C'è spazio anche per pezzi con rimandi più heavy, intermezzati comunque da momenti melodici: ne sono esempio "Child's Soldier" e "Phantom Child".

 

I pezzi maggiormente ispirati sono però quelli che si rifanno direttamente al sound delle origini, riuscendo a ricreare a tratti le atmosfere elettriche di quelli che furono i dischi più belli dei Bonfire, "Fireworks" e "Point Blank" (datati 1987 e '89): "Read Your Mind" è un classico che rimanda al passato, dagli arpeggi acustici delle strofe, ai veloci cambi di tempo fino al ritornello anthemico; non è da meno "Do You Believe In Love", semi-ballad dalla grande vena melodica alternata però a momenti più rockeggianti. Migliore tra tutte "Had Enuff", brano di frizzante hard rock, dotato del miglior ritornello di tutto il disco, dalla carica trascinante. Chiude il disco l'unica vera ballad presente in scaletta, "Reach Out", in cui le note di piano dolci e tristi allo stesso tempo, unite alla voce calda e roca di Claus Lessmann (che si lascia andare anche a qualche inusuale acuto prima dell'assolo) riescono a trasportare indietro nel tempo, fino ai ricordi e le emozioni di lenti quali "Give It a Try", "Rivers Of Glory" o "Fight For Love", indimenticabili per chi ha amato e continua ad amare la fiamma indelebile del falò teutonico.


"Play To Win" è un disco che denota, già dal titolo, la voglia di conquistare l'ascoltatore con la classe e l'esperienza di musicisti formati da anni di attività in studio e sul palco. Non manca certo l'affiatamento, le ottime melodie e una gran dose di puro hard rock che non potrà non deliziare le orecchie dei nostalgici del sound degli eighties e i tanti amanti del genere. Se però cercate sperimentazione, innovazioni o nuove sonorità, non le troverete qui; ma ciò nulla toglie alla bontà di un album da ascoltare tutto di un fiato, che ripropone quanto di buono i Phantom 5 già avevano dimostrato col loro debutto. Sperando di sentirli presto dal vivo, ancora una volta, "play to win".





01. The Change In You
02. Crossfire
03. Baptised
04. Read Your Mind
05. Play To Win
06. Child Soldiers
07. Do You Believe In Love
08. Phantom Child
09. Had Enuff
10. Shadows Dance
11. Reach Out

Speciale
PREMIERE: guarda il video di "Black Ink"

Intervista
Opeth: Fredrik Åkesson

Speciale
ESCLUSIVA: ascolta lo streaming di "Il Primo Uomo Sulla Luna"

LiveReport
Nightwish - Decades World Tour - Assago (MI) 04/12/18

Speciale
ESCLUSIVA: ascolta lo streaming de "Il Vento"

Speciale
PREMIERE: guarda il video di "Nowhere Latitude"