Pasadena Napalm Division
Pasadena Napalm Division

2013, Minus Head Records
Hardcore/Punk

Recensione di Francesco De Sandre - Pubblicata in data: 24/05/13

La rabbia e l'umorismo violento che i Pasadena Napalm Division cercano di diffondere attraverso l'omonimo album è il risultato di una degenere unione tra Hardcore Punk e Sleaze Metal, due filoni musicali stilisticamente differenti che hanno molto in comune, ma che rigettati nel calderone del Trash si confondono senza scaturire effetti troppo apprezzabili.

 

Provocazione e durezza ben nascosta da irriverenza e ilarità: la ricetta per un buon disco Trash sembra risiedere nel lasciarsi andare e riversare in musica qualsiasi pensiero o azione. Sembra quasi che, col pretesto di voler creare rumore e disintegrazione, sia sufficiente qualche accordo amalgamato senza troppa cura, volumi degli amplificatori al limite e qualche parola vomitata addosso al microfono in modo precipitoso e arrogante.

 

Come se il lato sporco del Punk schizzasse contro le macerie delle periferie dell'Hard Rock, così i brani contenuti nel disco non trasmettono appieno la potenza che Kurt Brecht (voce anche nei Dirty Rotten Imbecilles) & Co. vogliono diffondere. Ma a tal proposito è impossibile creare discussioni o disaccordi: la band infatti rispetta appieno i comandamenti del Trash, pertanto sono scagionati da ogni accusa di insulsezza o scarsa innovazione.

 

Chi quindi volesse fare il pieno di barbare melodie e velocità rude, è caldamente invitato dal pazzo gruppo Texano ad andarsi a bere le tanto decantate "100 Beers With A Zombie".





01. 100 Beers With A Zombie
02. Bleached Blonde Despair
03. Cemetery Mass
04. Don't Care
05. Dreamland
06. Failure
07. My Own Little God
08. Murder The Bearded Lady Killer
09. Non Ti Amo
10. Spell It Out
11. All Of A Sudden Dead
12. Terror Cell
13. Speaking In Tongues

Speciale
L'angolo oscuro #22

Speciale
FM - Tough It Out Live

Speciale
The End Machine - Phase2

Recensione
Primal Fear - I Will Be Gone [EP]

Recensione
Nad Sylvan - Spiritus Mundi

Intervista
Stranger Vision: Ivan Adami, Riccardo Toni