Motorpsycho
Behind The Sun

2014, Stickman Records
Psychedelic Rock

Recensione di Riccardo Coppola - Pubblicata in data: 03/06/14

Un'accensione diesel che pare incespicare in leggeri pizzichi alle sei corde e scivolate sul basso, un andamento apparentemente da carillon che diventa presto inarrestabile, in un continuo vorticare di chitarre e di voci sottili, di psichedelie fuori dal tempo, rumoreggiamenti in foggia di power chords, sprazzi di lucida sensibilità. Non si reinventano, i Motorpsycho -dalla sommità dell'ormai altissima pila di diciassette album in discografia-, ma scavano ancora più fondo nel loro strabiliante bagaglio musicale, in quelle fascinazioni da Seventies inglese che tanto bene hanno germogliato negli ultimi anni dalle parti della Scandinavia (si pensi anche a leve più nuove come gli ottimi Beardfish e Graveyard, che senz'altro tanto devono alla band di Bent Sæther).

 

"Behind The Sun" è l'ode ad una lisergia satura ma elegante, pervasiva ma mai opprimente, rumorosa ma mai gracchiante. Un viaggio di un'ora abbondante, suddiviso in epiche suite (le peregrinazioni tra le "Swiss Cheese Mountains" di "Hell Pt 4-6", deliri incarnati in superbe, sognanti orchestrazioni e fiati) e in lunghe - ma mai al punto da divenir moleste - divagazioni strumentali (il riff circolare e il persistente overdrive di "Kvaestor"), in cavalcate meno cinematografiche e più a misura di un travolgente rock show leggermente amarcord (la spumeggiante opener "Cloudwalker", il garage-hard-rock distorto di "On A Plate"), o anche in onirici soggiorni semiacustici alla corte del Re Cremisi (la dolcissima progressione della splendida ballata "Ghost").

 

Difficile trovare qualche debolezza o mancanza, in brani costruiti con cura certosina e ineccepibilmente eseguiti: forse solo una certa carenza d'ìmmediatezza - cosa, d'altronde, forse mai posseduta dalla band - che lascia sulle prime l'impressione che l'album sia ricoperto da una patina d'impenetrabile cerebralismo. E in fondo, anche per gli stessi aficionados, potrebbe cominciare a pesare la natura non proprio pionieristica della proposta, figlia di un trademark ormai tanto riconoscibile da non riuscire più a stupire. Lo sussurrano loro stessi nella traccia due, peraltro: "It's an endless repetition"; ma se la qualità rimane sempre questa, ci sentiamo davvero di dire che può andar bene così.





01. Cloudwalker (A Deeper Blue)

02. Ghost

03. On A Plate

04. The Promise

05. Kvaestor / Where Greyhounds Dare

06. Hell pt4-6: Traitor / The Tapestry / Swiss Cheese Mountain

07. Entropy

08. The Magic & The Wonder (A Love Theme)

09. Hell pt7: Victim Of Rock 

LiveReport
Stones - No Filter Tour 2017 - Lucca 23/09/17

Speciale
PREMIERE: guarda il video di "Tightrope" dei Vandenberg's Moonkings

Intervista
Cradle Of Filth: Dani Filth

Speciale
PREMIERE: guarda il video di "The Arsonist" dei Von Hertzen Brothers

Intervista
Satyricon: Frost

Recensione
Foo Fighters - Concrete And Gold