Lynyrd Skynyrd
One More For The Fans

2015, Loud & Proud
Classic Rock

Recensione di Giulio Beneventi - Pubblicata in data: 07/08/15

Probabilmente -nonostante le successive reincarnazioni- i Lynyrd Skynyrd sono davvero scomparsi quel maledetto 20 ottobre 1977, spirati improvvisamente insieme alle anime di Steve Gaines, Ronnie Van Zant e delle altre vittime del tragico disastro aereo sulle paludi di Gillsburg. Da allora ascoltare la loro musica significa sognare un'epoca dorata stretta gelosamente tra le braccia del passato, vuol dire odorare quello "smell of death" intriso di orgoglio sudista, quella singolare atmosfera mai del tutto perita ma cristallizata, come racchiusa nei secoli in un libro antico e imperituro a cui tutti si rivolgono -direttamente o indirettamente- per trovare la magica ispirazione per ogni possibile circostanza. Questa ultima volta il capitolo da cui è tratta la scintilla è il 1976, precisamente da "One More From The Road", album live nato dall'iniziativa della band per salvare il loro amato Fox Theatre di Atlanta a rischio demolizione. Il 12 novembre dello scorso anno in quello stesso teatro grazie a loro ancora in piedi dopo quarant'anni ancora si sono riuniti uno stuolo di rinomati artisti per celebrare proprio i salvatori ossia la band southern rock più influente di sempre e per deliziare un'ultima volta i fans. Ed è difficile dire quale sia il momento migliore tra tutte le ottime reinterpretazioni, se la riuscitissima "Gimme Back My Bullets" dei Cheap Trick o "Simple Man" dei Gov't Mule, se la bluesy "Tuesday's Gone" dello stesso Gregg Allman o ancora la sporca "Working For MCA" dei Blackberry Smoke. Sicuramente i veri brividi sono riservati tutti nel finale quando salgono on stage proprio gli attuali membri dei Lynyrd con Johnny Van Zant che duetta, tramite uno schermo, col compianto fratello Ronnie nel brano "Travelin' Man" e un Gary Rossington (l'unico componente storico rimasto) alla chitarra davvero in gran forma che regala una delle sue migliori performance di sempre sugli immancabili classiconi conclusivi.

 

 

Insomma, "One More For The Fans" si rivela senza dubbio un disco potente -forse di congedo- che suona come un pugno alzato contro il cielo blu dell'Alabama che ha reclamato troppo presto i suoi figli "adottivi" più scatenati e al tempo stesso un'orgogliosa rivendicazione che la loro eredità è più viva che mai e che vivrà ancora per molto, anche per cento o più anni... almeno finché ci sarà sempre qualcuno su un palco che chiederà al pubblico quale canzone voglia sentire: il ruggito in risposta non potrà che sentenziare "Free Bird!"





01. Whiskey Rock-A-Roller performed by Randy Houser
02. You Got That Right performed by Robert Randolph & Jimmy Hall
03. Saturday Night Special performed by Aaron Lewis
04. Workin For MCA performed by Blackberry Smoke
05. Don't Ask Me No Questions performed by O.A.R.
06. Gimme Back My Bullets performed by Cheap Trick
07. The Ballad of Curtis Loew performed by moe & John Hiatt
08. Simple Man performed by Gov't Mule
09. That Smell performed by Warren Haynes
10. Four Walls of Raiford performed by Jamey Johnson
11. I Know A Little performed by Jason Isbell
12. Call Me The Breeze performed by Peter Frampton
13. What's Your Name performed by Trace Adkins
14. Down South Jukin performed by Charlie Daniels & Donnie Van Zant
15. Gimme Three Steps performed by Alabama
16. Tuesday's Gone performed by Gregg Allman
17. Travelin Man performed by Lynyrd Skynyrd With Jonny and Ronnie Ronnie on big screen
18. Free Bird - performed by Lynyrd Skynyrd
19. Sweet Home Alabama performed by Lynyrd Skynyrd and the entire cast

Intervista
Powerwolf: Matthew Greywolf

Speciale
Le performance indimenticabili di Chris Cornell

Intervista
Rockin'1000: Mariagrazia Canu

LiveReport
Iron Maiden - Legacy Of The Beast Tour - Trieste 17/07/18

LiveReport
Pistoia Blues Festival: Supersonic Blues Machine feat Billy F. Gibbons & More - Pistoia 15/07/18

Intervista
MR BIG: Eric Martin