Jaded Star
Memories From The Future

2015, Sensory Records
Power Metal

Recensione di Alessio Sagheddu - Pubblicata in data: 28/05/15

"Bring a new sound to the female fronted scene!"
 
Viene da chiedersi, ma quale scena? C’è ancora una scena? Forse rimane solo un sipario. Il relitto inabissato chiamato Nightwish, giace da poco sul fondale più oscuro dell’oceano eppure la cantonata reppresentata dai “padri fondatori” con l’ultimo album, non sembra preoccupare tutti quei gruppi venuti dopo o almeno quelli che ancora si aggrappano con ostinazione a tutte quelle movenze musicali, ultimi e deboli respiri di un genere morente. Alcuni seguono come già detto la strada dell’ostinazione, altri intraprendono sentieri diversi, affrontando un qualcosa di più personale anche per lo stesso musicista. Questo proprio il caso della cantante ateniese Maxi Nil che terminata l’avventura (o la disavventura) con l’anonimia musicale dei Visions Of Atlantis, imbastisce e torna alla ribalta con un progetto tutto suo (condiviso con l’ex Iced Earth, Raphael Saini), questi Jaded Star per l’appunto.

 

C’è da dire che questo "Memories From The Future", debutto discografico del quartetto non suona affatto come qualcosa che ci si aspetterebbe da un musicista appena uscito dal morente turbinio del filone female fronted. Perchè a dirla tutta, in questo album, del filone citato c’è ben poco. Viene da chiedersi se tutti gli album registrati fino ad ora dalla cantante greca rispecchiassero appieno il suo personale gusto; l’approccio vocale di questo "Memories From The Future" è enigmatico, non sempre avvincente al punto giusto ma sicuramente personale dove la singer mostra un lato energico, privo di fronzoli e merletti come ci si aspetterebbe, di puro stampo power/heavy. Perchè se il tuo partner/musicale è Raphael Saini sei pienamente consapevole del suo drumming (linfa vitale di brani come “Raining In Sao Paolo”). Quel che arriva fino a noi è un album dalle forti influenze heavy, imbrattate di una sostanza fredda e “meccanica” che ne accentua l’acidità e la durezza. L’uso del synth poi (ad’opera del bassista Babis Nikou) alimenta flussi elettronici e la voce di Maxi, seppur mal curata in fase di produzione, riesce a ritagliarsi i suoi momenti tra singoloni di lancio (“Stars”), carezze temporanee (“In Memory” e “Into The End Of Time”) e sfuriate vocali condite con qualche intraprendenza dietro le pelli (“Healing The Inner Child”).

 

Sicuramente lontano dall’originalità, "Memories From The Future", si fa ascoltare con qualche piccola sorpresa dispersa lungo le dieci tracce. E’ sicuramente il primo passo per una band formatasi solo nel 2013, quindi carente sotto alcuni aspetti. C’è da dire però che i Jaded Star dimostrano fin da ora una grande energia e qualche buona idea che ha solo bisogno di tempo per evolversi spontaneamente.





1.The Mask
2.Wake Up
3.Keep On Fighting
4.Stars
5.Into The End Of Time
6.Healing The Inner Child
7.You'll See
8.In Memory
9.Raining In Sao Paolo
10.Innocence

Recensione
Greta Van Fleet - The Battle At Gardenís Gate

Speciale
Intervista - While She Sleeps (Loz)

Speciale
L'angolo oscuro #22

Speciale
FM - Tough It Out Live

Speciale
The End Machine - Phase2

Recensione
Primal Fear - I Will Be Gone [EP]