Harem Scarem
Mood Swings II

2013, Frontiers Records
Hard Rock

Recensione di Chiara Frizza - Pubblicata in data: 22/11/13

Nel 2008, dopo la pubblicazione di “Hope”, i canadesi Harem Scarem appendevano gli strumenti al chiodo, sciogliendo il gruppo e archiviando così una carriera ventennale nel panorama dell’hard rock. Cinque anni dopo lo split, le insistenti voci di una possibile reunion si sono trasformate in realtà con l’annuncio della partecipazione della band al Firefest festival, svoltosi il 18 Ottobre scorso a Nottingham, Regno Unito; ciliegina sulla torta, la re-issue  di “Mood Swings, l’album più incisivo della discografia del quartetto, giunto all’anniversario dei vent’anni dalla sua release originale (11 Giugno 1993, NdR) e titolato “Mood Swings II” nella nuova pubblicazione.

In principio, l’idea dietro alla reunion era la partecipazione al succitato festival con l’esecuzione live dell’intero “Mood Swings”: al tempo della sua uscita, infatti, all’album non fece mai seguito un tour promozionale al di fuori del Canada. L’annuncio della partecipazione al Firefest aveva riportato gli Harem Scarem sotto i riflettori, spingendo la band ad aggiungere numerose date in Europa e in Asia, soprattutto in Giappone, dove i canadesi hanno sempre avuto un grande seguito. Ma vent’anni di carriera e vent’anni dall’uscita di un album fondamentale per la storia della band necessitavano di qualcosa di più, ed ecco allora che cominciava a farsi strada l’ipotesi di una nuova registrazione di “Mood Swings”, secondo le tecniche più moderne oggi disponibili e arricchendolo di nuove bonus track e di un DVD con contenuti extra, come un filmato che documenta le varie fasi di produzione della release e dei file audio di alcune canzoni (“Change Comes Around”, “Saviours Never Cry”, “No Justice”) che danno la possibilità ai fan di mixare i brani a proprio piacimento o di utilizzarli come accompagnamento per suonare i brani stessi.

 

Un ritorno alle origini, ritrovando se stessi prima di procedere guardando avanti, verso il futuro: le tracce originali di questa release acquistano un suono più pieno e potente in queste registrazioni moderne, che non privano i brani della loro identità; il problema di tante re-issue è il rimaneggiamento delle tracce originali, facendosi prendere la mano dalle nuove diavolerie tecnologiche a disposizione di chi vuole registrare (o ri-registrare) la propria musica, trasformando brani ben riusciti in ibridi bizzarri. Niente di tutto ciò in questo “Mood Swings II”, nel quale gli Harem Scarem si sono serviti della tecnologia in modo oculato e andando solo a migliorare il sound come per forza di cose non poteva avvenire vent’anni fa. Le vocals ci mostrano un Harry Hess in gran forma nonostante il passare degli anni e Creighton Doane alla batteria, membro della band dal 2000, non fa rimpiangere Darren Smith, che aveva originariamente suonato queste tracce nella release datata 1993 e che compare in questa versione dell’album come  lead e backing vocalist su “Sentimental Blvd.”. Una ventata d’aria fresca arriva con le tre bonus track presenti nell’album, dapprima in modo leggero con “World Gone To Pieces”, ancora animata dallo spirito degli anni ’90, e poi in modo più deciso con il sound più moderno di “Anarchy” e “Brighter Day”, vera possibile anteprima di quello che potrebbe essere un nuovo lavoro vero e proprio.

 

“Mood Swings II” non è niente di nuovo rispetto alla versione di vent’anni fa, migliorie tecniche a parte; si sa che spesso uscite di questo genere sono più che altro mosse commerciali e questa non fa eccezione, accompagnando tour e reunion. Ma un merito ce l’ha: riportare alla luce (e proporre alle nuove generazioni) un album praticamente perfetto ma sottovalutato, messo a suo tempo in ombra dall’esplosione del grunge e di stili meno legati all’hard rock tradizionale.





CD

01. Saviors Never Cry

02. No Justice

03. Stranger Than Love

04. Change Comes Around

05. Jealousy

06. Sentimental Blvd.

07. Mandy

08. Empty Promises

09. If There Was A Time

10. Just Like I Planned

11. Had Enough

12. World Gone To Pieces

13. Anarchy

14. Brighter Day

 

DVD

 

“Re-Making Of Mood Swings” documentary

Audio Files: Change Comes Around, Saviours Never Cry, No Justice

LiveReport
Stones - No Filter Tour 2017 - Lucca 23/09/17

Speciale
PREMIERE: guarda il video di "Tightrope" dei Vandenberg's Moonkings

Intervista
Cradle Of Filth: Dani Filth

Speciale
PREMIERE: guarda il video di "The Arsonist" dei Von Hertzen Brothers

Intervista
Satyricon: Frost

Recensione
Foo Fighters - Concrete And Gold