Gambardellas
Ashes [EP]

2014, Autoproduzione
Alternative Rock

Recensione di Francesco De Sandre - Pubblicata in data: 20/12/14

Psichedelia Pop racchiusa in pillole di saggezza, dispensate lungo un anno vissuto di live in live: da manuale il ritorno sulle scene di Mauro Gambardella, che con Glenda e Grethel Frassi - e Roberto Paladino al basso in concerto - propone "Ashes". La chiave d'ascolto dei quattro nuovi pezzi apre le porte dell'apprezzamento perché è la sintesi dell'incontro tra melodia ed esplosione: "Ashes" vuole essere la crescita artistica e mediatica della band. L'EP si rivela di fatto una vincente svolta verso una dimensione stilistica europea senza però perdere l'appeal originario del progetto Gambardellas. Rinfrescare la cupida e oscura "I Got Mine", già dei Black Keys, è forse la dichiarazione più spontanea di dove questa band intende arrivare. Intanto, a fine anno, la collezione di date inanellate da Mauro e soci - comprese le bensperate trasferte europee - è già un successo di cui, in questi tempi, essere fieri. O un esempio di quanto la qualità e l'impegno, alla fine, portino ad una grande soddisfazione.



Intervista
Steven Wilson: Steven Wilson

Speciale
PREMIERE: ascolta "Novacaine" il nuovo singolo dei 10 Years

Speciale
PREMIERE: guarda il video di "Gutter Ballet" interpretata dai Cryptex

LiveReport
Wacken Open Air 2017 - Wacken 03/08/17

Recensione
Judas Priest - Sin After Sin

Speciale
Le Sirene dei Nightwish