David Bowie
Nothing Has Changed

2014, Columbia Records/Legacy
Rock

La storia del Duca Bianco dal presente al passato, con un'occhiata al futuro
Recensione di Andrea Mariano - Pubblicata in data: 10/12/14

Tagliamo immediatamente la testa al toro: se puntavate sull’edizione CD singolo di “Nothing Has Changed” per fare gradito regalo ad un vostro amico fan sfegatato del Duca Bianco, potete anche lasciar perdere, perché non è nulla più di un best of con in aggiunta un inedito. Se invece eravate incuriositi dal doppio CD, lasciatevi rapire dal cofanetto composto dai tre supporti ottici audio, perché in questo caso le cose cambiano.

Cambia anzitutto l’artwork, che ritrae il David Bowie dei nostri tempi che si specchia col suo solito sguardo sornione. Cambia l’impostazione stessa della raccolta, scegliendo di percorrere cronologicamente a ritroso tutta la carriera di uno degli artisti più estrosi degli ultimi decenni. Il primo CD si apre con la già citata “Sue”, ottimo brano in chiave modern jazz che, qualora si possa considerare anticipazione della direzione artistica che Bowie intraprenderà in futuro, fa ben sperare per i prossimi lavori in studio. La tracklist della trilogia di supporti ottici segue un percorso che conduce alle origini dell’ex Ziggy Stardust, tra successi mainstream (“Heroes”) e recuperi di episodi che avrebbero meritato maggior fortuna (“Let Me Sleep Beside You” e “Shadow Man” nelle versioni pensate per “Toy”, album previsto per il 2000 e mai uscito), mentre di alcuni brani sono stati scelti remix e versioni alternative (“Wild Is The Wind” remixata da Harry Maslin, l’affascinante “Dancing In The Street” con Mick Jagger, “All The Young Americans” in versione rimasterizzata che le dona la tecnologia stereo).

Un’avventura, un racconto, una narrazione, una storia fantastica da percorrere, vivere, ascoltare. Non senza qualche sbavatura, non senza qualche piccolo fastidio. Nulla di trascendentale, sia chiaro, ma era davvero necessario, in un’operazione così oculata e ben pianificata, inserire le odiose radio edit dei brani più celebri, o le loro versioni pensate e modificate per la pubblicazione come singoli? “Heroes”, “China Girl”, “Golden Years”, “Slow Burn” sono fantastiche, ma ancor più nelle loro versioni originali contenute nei rispettivi album d’origine. Forse tale scelta è stata dettata per problemi di minutaggio, ma di certo (ben più di) qualche estimatore storcerà il naso per questa soluzione.

Il vero “Nothing Has Changed” è da considerarsi quello composto da triplo CD, in quanto il più completo in assoluto tra le versioni presenti in commercio (per completezza d’informazione: CD singolo, doppio CD, triplo CD, edizione doppio vinile) e quello con la tracklist pensata ed ordinata esattamente come Bowie voleva. Peccato per la presenza delle radio e single edit. Rimane, tuttavia, un ottimo prodotto, di certo diverso dalla solita raccolta.



3-CD Deluxe Edition

Disc One
01. Sue (Or in a Season of Crime)
02. Where Are We Now?
03. Love Is Lost" (Hello Steve Reich Mix by James 04. Murphy for the DFA Edit)
05. The Stars (Are Out Tonight)
06. New Killer Star (radio edit)
07. Everyone Says 'Hi' (edit)
08. Slow Burn (radio edit)
09. Let Me Sleep Beside You
10. Your Turn to Drive
11. Shadow Man
12. Seven (Marius De Vries mix)
13. Survive (Marius De Vries mix)
14. Thursday's Child (radio edit)
15. I'm Afraid of Americans (V1) (radio edit)
16. Little Wonder (edit)
17. Hallo Spaceboy (PSB Remix) (with the Pet Shop Boys)
18. The Hearts Filthy Lesson (radio edit)
19. Strangers When We Meet (single version)

Disc Two
01. The Buddha of Suburbia
02. Jump They Say (radio edit)
03. Time Will Crawl (MM remix)
04. Absolute Beginners (single version)
05. Dancing in the Street (with Mick Jagger)
06. Loving the Alien (single remix)
07. This Is Not America (with the Pat Metheny Group)
08. Blue Jean
09. Modern Love (single version)
10. China Girl (single version)
11. Let's Dance (single version)
12. Fashion (single version)
13. Scary Monsters (and Super Creeps) (single version)
14. Ashes to Ashes (single version)
15. Under Pressure (edited version) (with Queen)
16. Boys Keep Swinging
17. Heroes (single version)
18. Sound and Vision
19. Golden Years (single version)
20. Wild Is the Wind (2010 Harry Maslin Mix)

Disc Three
01. Fame
02. Young Americans (2007 Tony Visconti mix single edit)
03. Diamond Dogs
04. Rebel Rebel
05. Sorrow
06. Drive-In Saturday
07. All the Young Dudes (previously unreleased stereo mix)
08. The Jean Genie (original single mix)
09. Moonage Daydream
10. Ziggy Stardust
11. Starman (original single mix)
12. Life On Mars? (2003 Ken Scott mix)
13. Oh! You Pretty Things
14. Changes
15. The Man Who Sold the World
16. Space Oddity
17. In the Heat of the Morning
18. Silly Boy Blue
19. Can't Help Thinking About Me
20. You've Got a Habit of Leaving
21. Liza Jane

LiveReport
Deftones - Gore Tour 2017 - Milano 21/04/17

Speciale
Dire Straits Legacy: un concerto benefico a Milano il 28 maggio

Speciale
PREMIERE: Ascolta "Star of Sirrah" nuovo lyric video di Ayreon

Intervista
Wintersun: Jari Mäenpää

Recensione
Ayreon - The Source

Intervista
Dimmu Borgir: Silenoz