Cryonic Temple
Into The Glorious Battle

2017, Scarlet Records
Power Metal

Recensione di Riccardo Marchetti - Pubblicata in data: 23/04/17

Nove anni di silenzio sono tanti e, se come in questo caso, sono conditi da svariati cambi di formazione, possono sembrare ancora più lunghi. Quasi dopo una decade passata dalla precedente incisione, i power metallers Cryonic Temple sono riusciti a dare alla luce un nuovo full-length: "Into The Glorious Battle". La prima cosa che si fa sicuramente notare è la corposità del lavoro: quattordici tracce non sono poche, soprattutto per il genere in questione. È vero, la band è stata lontana dalla scena per tanto tempo, ma questa non è l'unica motivazione per la grande mole di lavoro inserito. Si tratta infatti di un concept album, il primo dalla nascita della squadra, ambientato nei meandri dello spazio.
 

La registrazione si presenta come qualcosa di ricco, un passo importante per la formazione scandinava, che vuole senza dubbio dimostrare di essere viva e attiva. La quantità però corrisponde alla qualità? Possiamo affermare che questa quinta uscita della band è ben godibile, viaggia su buoni binari di intrattenimento, nulla di eccessivamente complicato o ricercato, resta però ben suonato e scorrevole nonostante il numero delle track. L'incisione non si presenta granché innovativa, né particolarmente coraggiosa, ma riconosciamo l'impegno profuso e la cura dedicata ad ogni minimo particolare.

 

Non mancano senza dubbio tracce dalla spiccata matrice power, decise, energiche ed incalzanti: "Man of a Thousand Faces", "Mean Steak" e "Can't Stop the Heat". Con lo scopo di spezzare il ritmo e darci qualcosa di diverso dalle solite cavalcate, troviamo una solenne intro, la malinconica "War Is Useless", un intermezzo parlato dal titolo "The Speech" e la conclusiva e articolata "Freedom". Insomma l'ascolto non stanca, soprattutto per chi è alla ricerca di qualcosa di ben eseguito, magari dalla marcata cadenza anni novanta, in alcuni frangenti più heavy in altri più melodica. Senza alcun dubbio un ritorno discreto, capace di divertire e farci passare una buona ora sotto l'egida del power metal.





01. The Beginning of a New Era
02. Man of a Thousand Faces
03. All the Kingsmen
04. Prepare for War
05. Heroes of the Day
06. Mighty Eagle
07. Into the Glory Battle
08. The Speech
09. Mean Streak
10. Flying over the Snowy Fields
11. Can't Stop the Heat
12. This War Is Useless (Eulogy)
13. Heavy Burden
14. Freedom

Recensione
Bruce Springsteen - The River

Speciale
Rock in Roma 2018

Speciale
ESCLUSIVA: ascolta lo streaming di "Universi Alternativi"

Recensione
U2 - Songs Of Experience

Speciale
Pearl Jam, "Let's Play Two": un inno dedicato a chi arriva fino in fondo

LiveReport
Spend The Night With Alice Cooper 2017 - Milano 30/11/17