Charlie Simpson
Long Road Home

2014, Nusic Sounds
Pop/Folk

Recensione di Francesco De Sandre - Pubblicata in data: 03/08/14

Il passato artistico di Charlie Simpson potrebbe impedirgli di essere citato sulle nostre pagine. Come spesso accade in questi nuovi contesti cantautorali, da una Pop band di successo si aprono carriere indipendenti dai risvolti curiosi. Gli ex Busted – fenomenali all’inizio degli anni 2000 – James Bourne, Matt Willis e Charlie Simpson si sciolsero per intraprendere una personale maturazione musicale attraverso generi decisamente più concreti di quello che li fece conoscere in tutto il mondo.

 

La carriera di Charlie pare, ad oggi, essere tra le tre quella di maggior successo. “Long Road Home”, secondo album di studio, a prescindere dai gusti e dalle divergenze sonore, fa sorridere: è in questo delicato concentrato di melodie e dicotomie tra acustica e pianoforte che Charlie esprime tutto quello che ha sempre cercato di esprimere sin dai primi avvicendamenti col microfono. Il suo ruolo nei Busted era quello di cantare nelle tracce strappalacrime ed emotive: ora, a distanza di più di dieci anni, quell’embrionale mansione viene valorizzata ed elevata in undici canzoni ancora molto simili tra di loro, ma in completa armonia con il concetto dell’album.

 

Fresca nella sua giovane lamentela, la valida voce di Charlie trova finalmente un ambiente sonoro in cui crescere e svilupparsi. “Long Road Home”, quasi completamente acustico, è la realizzazione di un sogno. Un sogno di pace nella ricerca della meta musicale che per Charlie è ora casa. 





01. Long Road Home
02. Comets
03. Winter Hymns
04. Emily
05. Haunted
06. Would You Love Me Any Less?
07. Ten More Days
08. Blood
09. Still Young
10. Forty Thieves
11. Another Year

LiveReport
Liam Gallagher - As You Were Tour 2017 - Manchester 16/12/17

Speciale
PREMIERE: guarda il video di "Irene"

Intervista
Rainbow: Ronnie Romero

Recensione
Linkin Park - One More Light Live

Recensione
Bruce Springsteen - The River

Speciale
Rock in Roma 2018