Bedouine
Bedouine

2017, Spacebomb Records
contry/funk

Tra suoni contry-funk e arpeggi esotici si presenta l'artista Bedouine, con un album di esordio nel quale ogni vagabondo può specchiarsi e ritrovare le proprie radici nel perseverante errare.
Recensione di Alessandra Manini - Pubblicata in data: 09/08/17

"Bedouine" è un album complesso fatto di luci ed ombre e la sua storia in musica si racconta nel tracciato esperienziale dell'artista. Le dieci tracce tra le tonalità strumentali sopite e piene come lacrime dal cielo scavano il granito senza tempo. Un album che incarna la chiave per il diario di Azniv Korkejian poi Bedouine, l'artista è nata in Siria ma ha vissuto negli Stati Uniti spostandosi senza mettere fondamenta in un luogo preciso, muovendosi tra Boston, Houston, Lexington, Austin e Savannah. Solo la musica le ha dato quella sensazione di appartenenza facendole incontrare sul proprio cammino una cominità di musicisti a Los Angeles capaci di farla sentire parte di qualcosa di più grande, motivo per cui, anche nella biografia dell'artista, viene segnalata Echo Park come città natale. Scavando nel profondo della scelta che ha portato Azniv a ribattezzarsi con il nome di Bedouine, ogni traccia che compone l'album è capace di trasmettere questo senso di malinconico vagabondare, nel tentativo di continuare ad essere tutto ciò che si è stati e che non si potrà mai cancellare nel proprio presente e futuro. "Muovermi così tanto, spostarsi in qualunque momento mi ha fatto sentire come se non appartenessi mai a nessun luogo e ho pensato che questo avrebbe potuto essere un buon titolo".
 
 
L'ominimo album d'esordio si presenta come una miscela affascinante e delicata che si equilibra in un country-funk impreziosito da fraseggi e richiami esotici. "One Of These Days" riesce a far assaporare a pieno i colori e le sensazioni delle ballate country, un pezzo che si imprime nell'immediato, quasi a trovare il nomade che alberga in ognuno di noi. L'album di Azniv Korkejian è soprattutto la colonna sonora del suo viaggio, regalata al pubblico per accompagnarci tra distese verdi, deserti o avvolti nel profumo del gelsomino. "Back To You" si disegna con lo zaino in spalla, un gioco di chiaro scuri che si mescola nel tramonto, la domanda sorge quasi spontanea, dove potrebbe mai tornare un vagabondo cittadino del mondo? In un luogo che più di ogni altro ha sentito come casa, dalle note che lo hanno accompagnato o semplicemente da sé stesso, continuando nel camminar errante che più di ogni altro è capace di farlo sentire esattamente dove vorrebbe essere. "Bedouine" è fatto di strade che si incontrano o scontrano, dove le note sfumate di una "Solitary Daughter" porteranno l'artista nomade in un tour tra Stati Uniti ed Europa. "Skyline" è un pezzo singolare, in cui la voce avvolge il corpo strumentale, come se stesse sussurrando alle corde in un dipinto minimalista capace di esprimere comunque una totalità ammaliante. La stessa "Summer Cold" supera le strade parallele che non dovrebbero mai incontrarsi per portarci tra le vie di Aleppo, essendo un pezzo in cui l'autrice ricrea attraverso la memoria sonora il volto della nonna e della propria infanzia, scegliendo accuratamente le note per potervi far ritorno. "Bedouine" è un album che l'autrice ha portato nel proprio grembo durante una fase creativa in cui ha dato alla luce dieci brani hanno resistito ad un'attenta selezione volta a creare da parte dell'autrice uno specchio della propria anima in musica.
 
 
Bedouine non si pone limiti, luoghi o intenti, è protagonista e narratrice allo stesso tempo, proponendo testi maturi, consapevoli dell'esistenza magmatica che si contraddistingue per impeti, partenze, saluti, profumi che ritornano e paesaggi che non rivedremo mai ma pur sempre riconoscendoci quando ci guarderemo allo specchio, senza mai esserci persi. La musica che si racconta in questo album emana il piacere del viaggio, la paura che si lascia alle spalle dopo la partenza e la serenità lungo la strada, la propria.




01.Nice And Quiet
02.One Of These Days
03.Back To You
04.Dusty Eyes
05.Solitary Daughter
06.Summer Cold
07.Mind's Eye
08.You Kill Me
09.Heart Take Flight
10.Skyline

LiveReport
Liam Gallagher - As You Were Tour 2017 - Manchester 16/12/17

Speciale
PREMIERE: guarda il video di "Irene"

Intervista
Rainbow: Ronnie Romero

Recensione
Linkin Park - One More Light Live

Recensione
Bruce Springsteen - The River

Speciale
Rock in Roma 2018