Backyard Babies
Four By Four

2015, Billion Dollar Babies
Punk Rock

Recensione di Andrea Mariano - Pubblicata in data: 17/09/15

Disco, tour, disco, tour, disco, tour,  disco, tour, tour celebrativo, sfinimento. Così devono essersi sentiti i Backyard Babies nel 2009, e la pausa è servita per rinfrescare idee e ricaricare le energie necessarie per un comeback di tutto rispetto.

"Four By Four" è come un fulmine a ciel sereno nella carriera della band scandinava. Nicke Borg e soci hanno sfornato un album convincente sotot tutti i punti di vista, dal sound stradaiolo ed ispirato. Da questo punto di vista, se il singolo "Th1rth3en Or Nothing" vi ha conquistato, il resto dell'album vi risucchierà in un vortice di Rock dalle ventate Punk di tutto rispetto, coinvolgente e dannatamente convincente; anche la ballad "Bloody Tears" nella sua canonicità strappa un sorriso d'approvazione tutt'altro che scontati, mentre la conclusiva "Walls" passa dal bluesy solare ad una lunga coda finale a dir poco inquietante, quasi come se si scavalcasse un muro, appunto, e ci si trovasse in un luogo completamente diverso da quello in cui siamo stati fino ad ora. L'effetto è straniante, se non altro perché praticamente scollegato dal mood generale del disco, ma c'è qualcosa che intriga, pur in modo malsano.

"Four By Four" è il buon esempio di come una lunga pausa (6 anni non sono pochi) possa fruttare egregiamente: i Nostri hanno ricaricato le energie, hanno collezionato nuove esperienze e nuovi spunti e li hanno ben catalizzati in questo graditissimo ritorno. Un grande ritorno per i fan, un bel biglietto da visita per nuovi, futuri estimatori.



Speciale
ESCLUSIVA: ascolta lo streaming di "Landscape"

Speciale
PREMIERE: guarda il video di "Step Outside Love"

Speciale
PREMIERE: guarda il video di "Whatever"

Intervista
Stereophonics: Richard Jones

Recensione
Genesis - The Lamb Lies Down On Broadway

Speciale
Accept (Peter Baltes)