Killer Boogie
Acid Cream

2018, Heavy Psych Sounds Records
Stoner/Psych

Recensione di Giovanni Ausoni - Pubblicata in data: 21/03/18

Gabriele Fiori, già chitarrista e singer dei Black Rainbows e a capo dell'etichetta Heavy Psych Sounds, giunge al secondo album sotto il moniker Killer Boogie, progetto che presenta chiare affinità di sangue con il combo madre in termini di sonorità generali, sebbene la loro declinazione si avantaggi di una resa maggiormente immediata  e gommosa. Dopo l'ottimo feedback riscontrato dall'esordio "Detroit" (2015) il trio nostrano, completato da Nicola Cosentino al basso e Luigi Costanzo dietro le pelli, si tuffa voluttuoso nel liquido rancido di "Acid Cream". Una miscela che all'attitudine vintage e alla forza delle distorsioni dei seventies unisce la psichedelia di fine anni '60: Blue Cheer, Cactus e Cream le band di riferimento, per un trip allucinogeno in Ray Ban da compiere in polverosi peep show californiani, tra scorpioni guantati, marmitte incandescenti ed exploitation movie.
 
 
La breve intro "Superpusher '69", dalla pronunciata effettistica in phaser, avvia il disco su promettenti binari onirici, ribaltati dalla frequenze proto punk della rapida e incisiva "Escape From Reality": lembi di granulosa sovrastruttura lisergica caratterizzano "Atomic Race", brano deflorato da un giro delle sei corde tanto rétro quanto efficace, mentre sono le ipnotiche percussioni della batteria a lanciare in orbita l'energico boogie di "I Am Demon". A seguire il timbro suadente dell'organo che sigilla il finale della cadenzata "Let The Birds Fly" pensano il torrido groove ossianico di "Dino-Saur" e i cori di "Brother In Time", pezzo figlio di un hard rock scaraventato nelle aride distese in technicolor di Las Vegas; il break sudista affidato a "Mississipi" funge da abbrivio ai lunghi solos della cavalcata psych blues "Black Widow", che in chiusura si adagia morbida e visionaria su un tappeto strumentale espanso e in progressione space. La  panna mucillaginosa di "The Day Of The Melted Ice Cream" e i Nebula  in acido di "I Wanna A Woman Like You" concludono un lotto nel quale il pedale in perenne pressione risulta quello di un sound crespo, dilatato e dannatamente catchy.
 
 
Fuzz, fuzz e ancora fuzz: i Killer Boogie rappresentano una realtà destinata a porsi in prossimità dei nomi più significativi della scena stoner e delle sue sterminate declinazioni. "Acid Cream", album frutto di notevoli qualità compositive e di una conoscenza profonda dei generi affrontati, costituisce uno stuzzicante pastiche in cui convivono in miracoloso equilibrio citazionismo d'antan, contributo originale e percepibile entusiasmo: Italians do it better.




01. Superpusher '69
02. Escape From Reality
03. Atomic Race
04. Am I Daemon
05. Let The Birds Fly
06. Dino-Sour
07. Brother In Time
08. Mississippi
09. The Black Widow
10. The Day Of The Melted Ice Cream
11. I Wanna A Woman Like You

Intervista
Rockin'1000: Mariagrazia Canu

LiveReport
Iron Maiden - Legacy Of The Beast Tour - Trieste 17/07/18

LiveReport
Pistoia Blues Festival: Supersonic Blues Machine feat Billy F. Gibbons & More - Pistoia 15/07/18

Intervista
MR BIG: Eric Martin

LiveReport
Pistoia Blues Festival: Steve Hackett & more - Pistoia 14/07/18

Speciale
ESCLUSIVA: ascolta lo streaming de "Il Disco Di Praino"