Barren Earth
A Complex Of Cages

2018, Century Media Records
Progressive Metal

Con il quarto full length, i Barren Earth, prog death metal band da Helsinki, consolidano il loro sound che fonde senza picchi o sbavature death, gothic doom e influenze Seventies.
Recensione di Matteo Poli - Pubblicata in data: 07/04/18

C'era una volta una band chiamata Amorphis che contribuì a inventare il melodic death metal. Poi al bassista Olli-Pekka Laine, amante del prog e dei Seventies, venne in cuore di dare vita a un vecchio sogno: fondere il death, il prog e le fumosità dei Seventies in un sound originale. Intitolata "A Complex Of Cages", l'ultima fatica dei Barren Earth prosegue e consolida la linea ispirativa intrapresa col precedente "On Lonely Towers", in cui la band si era smarcata dalla componente folk metal, presente soprattutto nei primi due lavori, a favore di sonorità evocanti gli anni Settanta, anni di band quali i francesi Magma, di cui troviamo qualche influenza nelle soluzioni armoniche degli ultimi lavori, o degli Atomic Rooster. E, sul versante metal, è evidente il nume tutelare degli Opeth, a cui la band guarda senza con ciò imitarne lo stile. Anche il growling, preponderante nei primi lavori, è stato gradualmente affiancato e poi decisamente surclassato dalla melodia gonfia di pathos e teatralità di Jón Aldará.


Al di là dell'abile costruzione architettonica dei brani, del bell'uso delle armonie (perdonando qualche arco synth di troppo, a nostro sentire, come in "Further Down"), quello che troviamo davvero riuscito e convincente in questo lavoro è l'equilibrio raggiunto dalla produzione, in cui chitarre e tastiere - elementi che a volte possono letteralmente fare a pugni se giustapposti - si amalgamano alla perfezione senza confondersi e dando vita a un sound rotondo, pieno e ricco di dinamiche che, sempre a nostro sentire, compensano una certa monotonia nelle scelte armoniche che potrebbe annoiare, ma che l'abile gestione dei chiaroscuri sa riscattare. Difficile segnalare un brano che spicchi particolarmente sugli altri, a tal punto è fitto il tessuto di legami armonici e tematici che lega i brani del concept album, come movimenti di una sinfonia. Prendiamo "Zeal", sognante, cupa, romantica, la più prog e la più doom delle tracce, inizialmente tesa verso suadenti pad e graffianti derive prog rock che -oseremmo- a tratti ricordano episodi di "Darwin!", capolavoro del Banco Del Mutuo Soccorso, per poi precipitarci nella doppiacassa e nel growl, e aprire al pathos nei refrain. Tracce di folk metal persistono in "Scatterprey", mentre è davvero arduo stabilire quale sia il pezzo più cattivo. C'è davvero un pezzo cattivo? Paradossalmente, l'effetto complessivo dà vita a un suono così liscio, smussato, equilibrato, patinato, privo di picchi come di cadute, da rendere quasi accessoria l'etichetta di "metal".


Perdonateci, è certamente colpa nostra, ma per come la vediamo noi il metal metal a volte accarezza, a volte morde, a volte abbraccia, a volte colpisce in pieno grugno. È attitudine, oltre che doppia cassa, growl e distorsioni. E qui l'attitudine metal, se non è assente del tutto, quantomeno latita. Se manca uno dei lati del prisma, se si graffia senza colpire davvero, se non c'è neppure mezza increspatura, spiacenti: non è metal. Ascoltare "Solitude Pith", brano che - al netto del growling -, con le sue progressioni su scale arabe, non stupirebbe di trovare in un album di prog rock tout court, o magari di rock psichedelico (ci sono pure i flauti...). Detto questo, è certo un lavoro che susciterà apprezzamenti tra i progster, ma ci chiediamo se battere strade armoniche già ampiamente esperite non renda stretta anche l'etichetta di "progressive". Teoricamente il prog non dovrebbe sperimentare, esplorare? Forse non necessariamente. In conclusione, "A Complex Of Cages" è un disco che non delude senza però del tutto convincere davvero. Temiamo che, a lungo andare, il gioco rischi di mostrare la corda e che non ci sia noia più noiosa di quella di un album metal che non metalleggia. A buon intenditor...





01. The Living Fortress
02. Ruby
03. Further Down
04. Zeal
05. Scatterprey
06. Solitude Pith
07. Dysphoria
08. Spire
09. Withdrawal

LiveReport
Nick Mason's Saucerful Of Secrets - European Tour 2018 - Milano 20/09/18

Recensione
Slash Feat Myles Kennedy & The Conspirators - Living The Dream

Speciale
ESCLUSIVA: ascolta lo streaming di "Rcade"

Speciale
PREMIERE: guarda il video di "Sogni Di Te"

Intervista
Nel vortice dei Voivod: Away

LiveReport
Milano Rocks - Day 3: 30 Seconds To Mars + Mike Shinoda & more - Rho (MI) 08/09/18