Nad Sylvan
Courting The Widow

2015, Inside Out
Progressive Rock

Recensione di Luca Ciuti - Pubblicata in data: 19/10/15

Classe 1959, americano di nascita ma svedese di adozione, Nad Sylvan è un vocalist di comprovata esperienza che ha provato per anni a farsi un nome nel fitto sottobosco del progressive rock. Di lui in verità non si sa moltissimo, se escludiamo il progetto Unifaun, che tanto successo aveva riscosso fra i fans dei primi Genesis, ma soprattutto la collaborazione con Steve Hackett per "Genesis Revisited". Il suo stile ispirato al Gabriel prima maniera lo rende perfetto per questo tipo di operazioni, come abbiamo potuto ammirare nella recente data italiana del chitarrista londinese.

Nad Sylvan decide tuttavia di staccarsi per un attimo dal carrozzone Genesis per dare vita a un’opera a sua firma, dall’affascinante titolo di “Courting The Widow”, un concept album dalle ambientazioni tardo gotiche senz'altro affascinante nelle premesse, ma che nel suo sviluppo presenta non pochi lati oscuri. Il singer svedese mostra una certa abilità nella scelta dei suoni e degli strumenti, il mellotron ad esempio, elemento centrale di tutto il processo compositivo, tale da ricreare il mosaico sonoro che fece la fortuna dei primi Genesis. Manca tuttavia quel guizzo di imprevedibilità ed eclettismo che deve caratterizzare ogni disco prog che si rispetti. Il disco si trascina senza particolari slanci nel suo taglio marcatamente romantico/lirico, e poco spazio è stato lasciato agli inserti strumentali. Sarebbe stato lecito aspettarsi in una situazione del genere un guizzo, un gioco di contrasti, ma a conti fatti “Courting The Widow” suona è privo di sussulti emotivi, nonostante gli accorgimenti di cui parlavamo. Lo stile vocale di Sylvan affascina senz’altro per la sua somiglianza con il primo Gabriel, senza tuttavia eguagliarlo in termini di profondità. Peccato perché l’idea di un concept gotico poteva senz’altro essere sfruttata meglio, magari dedicando maggior spazio ai musicisti presenti (citiamo a caso Nick Di Virgilio e Nick Beggs). Non passano certo inosservati i ventidue minuti di "To Turn The Other Side", così come il cameo di Steve Hackett nella conclusiva "Long Slow Crash Landing", senza dubbio il momento più interessante del disco, ma che non impediscono a "Courting The Widow" di suonare ben più ostico di quel che è realmente.

Nad Sylvan è un personaggio che può vantare doti ormai rare come talento e preparazione e per questo meritava di presentarsi al pubblico con un prodotto di ben altro livello. In sede di intervista Nad ha confessato di non avere mai avuto il coraggio di chiedere a Steve Hackett di collaborare a un intero disco di inediti, ma se il chitarrista in tutti questi anni ha scelto di utilizzarlo come vocalist nel progetto Genesis Revisited, e solo in questo, un motivo deve pur esserci, e non è difficile scoprire quale.




01.Carry Me Home
02.Courting The Widow
03.Echoes Of Ekwabet
04.To Turn The Other Side
05.Ship’s Cat
06.The Killing Of The Calm
07.Where The Martyr Carved His Name
08.Long Slow Crash Landing

Speciale
PREMIERE: guarda "Flesh Tight", il nuovo video dei Triggerfinger

Speciale
Chris Cornell: "I'm gonna break my rusty cage"

Speciale
Libri: Confessioni di un Eretico - Tra sacro e profano nei Behemoth e oltre

Speciale
ESCLUSIVA: guarda il nuovo video dei Final Cut

Speciale
ESCLUSIVA: ascolta il nuovo singolo di Kari Rueslåtten

LiveReport
Kiss - World Tour 2017 - Casalecchio di Reno (BO) 16/05/17