My Dying Bride
A Map Of All Our Failures

2012, Peaceville Records
Gothic/Doom

Recensione di Marco Belafatti - Pubblicata in data: 22/10/12

Parlare male dei My Dying Bride sarebbe come gettare del fango su un'istituzione che, dopo anni ed anni di onorato servizio, continua a svolgere il proprio dovere in maniera impeccabile. E il quintetto di Halifax, per tutta la scena doom metal, rappresenta a tutti gli effetti un'istituzione, una sicurezza. Come molti dei nostri lettori ricorderanno, le cupe sinfonie, le macabre visioni e il torbido romanticismo che sin dagli albori permeano la musica di Aaron Stainthorpe e soci hanno definito i canoni del genere, a volte uscendo dal seminato (lo sperimentale “34.788%... Complete” - ormai un lontano ricordo - o il più recente progetto ambient “Evinta”), altre volte strizzando l'occhio ai bei tempi che furono, quando chitarre, basso e batteria sembravano emergere dalla Terra per urlare all'umanità la propria furia atavica (l'EP “The Barghest O' Whitby”, pubblicato lo scorso anno).

Cenni storici a parte, quel che è certo, è che se amate crogiolarvi in questo tipo di suoni ed atmosfere, dovrete poggiare immediatamente a terra le pietre che eravate pronti a scagliare: i My Dying Bride, inossidabili come pochissimi altri, non falliscono neanche a pagarli. Alla faccia dei gufi. “A Map Of All Our Failures” si impone con la forza devastante di un macigno introspettivo, tipicamente anglosassone; se apprezzate la poesia del primo Ottocento, le associazioni mentali non tarderanno a manifestarsi... Ma c'è di più; e questo “di più” è dato dalla maestria di Aaron, interprete aristocratico e growler disumano, da un uso del violino come non lo sentivamo dai tempi di “The Angel And The Dark River” (merito del giovane Shaun MacGowan), dal basso spigoloso, letale e sanguigno di Lena Abé, dalle chitarre di Andrew Craighan e Hamish Glencross, fedeli compagne di molti funerali interiori. Impossibile trovare tanta classe tra i nuovi arrivati; impossibile il confronto con un'altra realtà storica come quella dei “cugini” Paradise Lost, quasi persa in un autocitazionismo scolastico e prevedibile che ha il forte odore del fan service. I My Dying Bride, se fossero veramente intenzionati a compiacere, compiacerebbero soltanto se stessi. Come attori martoriati, esangui, alienati dalla loro gotica messa in scena.

Dove posizioneremmo il disco all'interno di un'ipotetica classifica? La risposta è piuttosto semplice. Meno tentennante di “For Lies I Sire”, più eterogeneo di “A Line Of Deathless Kings”, “A Map Of All Our Failures”, pur rimanendo lontano dall'eccellenza degli anni 90, è un Signor disco doom. Ahimè, in questa sede non scomoderemo la parola “capolavoro”, perché gli otto brani in scaletta non sono privi di difetti - se vorrete, starà a voi scovarli. Eppure, per quanto paradossale potrà sembrare, “A Map Of All Our Failures”, a differenza dei due predecessori, ha l'aria di non essere soltanto un bel disco, quanto, piuttosto, un biglietto di sola andata per il Paradiso Perduto di ogni doomster.





Recensione
Greta Van Fleet - The Battle At Garden’s Gate

Speciale
Intervista - While She Sleeps (Loz)

Speciale
L'angolo oscuro #22

Speciale
FM - Tough It Out Live

Speciale
The End Machine - Phase2

Recensione
Primal Fear - I Will Be Gone [EP]