Sigur Ros
Heima [DVD]

2007, EMI
Post Rock

Recensione di Fabio Rigamonti - Pubblicata in data: 02/05/12

Li avete visti, voi, gli occhi dei bambini? Se ne stanno lì, in raccolto e stupito silenzio, quasi consci di assistere ad uno spettacolo visivo-sonoro di natura straordinaria; gli adulti e gli anziani che li accompagnano, invece, loro hanno già speso fette più o meno consistenti della loro vita, ed hanno amaramente scoperto quanto dolore essa possa, a volte, nascondere. Per loro, le note sono di estremo sollievo e consolazione, per cui non è raro vederli abbandonarsi alla più pura e sincera commozione.

Questa, signori, è la descrizione sommaria di una delle tante scene straordinarie che vi attendono nella visione di “Heima”, primo DVD degli islandesi Sigur Rós. Oltre all’esecuzione di “Von” in una sala da tè – situazione sopra menzionata, in quest’opera cinematografica (aggettivo non casuale) – vi attendono altre meraviglie, come vedere la band all’opera all’interno di cisterne di pescherie industriali morte, schiacciate da un progresso che ha fatto fuggire il pesce dalle coste; oppure, l’esecuzione intima di una “Ágætis Byrjun” nella più classica aula magna delle scuole elementari. Ancora, vedrete i Nostri, costretti da un vento travolgente, ad esibirsi senza alcuna amplificazione elettrica e per un pugno di persone nel mezzo di Kàrahnjùkar, valle sconfinata scelta come vittima sacrificale per la costruzione di una diga e, ad oggi, non più esistente, in quanto inondata.

Siamo nel 2006, i Sigur Rós sono al termine di un tour mondiale dal successo travolgente nato per l’accompagnamento del trionfale “Takk…”. Quasi a contrastare tutto il boato causato dal pubblico e dalla critica attorno a loro, la band ha deciso di chiudere un periodo certamente unico nella loro storia in intima sordina, celebrando il loro Paese con il loro Paese, attraverso una serie di concerti-evento gratuiti sparsi lungo tutto il territorio islandese: dal palco mastodontico e le migliaia di persone a Reykjavik, passando per la solitaria costa abbandonata di Selàrdar, per un’esibizione regalata a due case diroccate. I ragazzi hanno, quindi, filmato il tutto per rendere immortale il loro “Takk” (“grazie”) dedicato con molto cuore alla loro “Heima” (“casa”), in un’opera che è tutto meno che il classico live DVD di una band musicale. “Heima”, difatti, è innanzitutto un film, impreziosito semmai della musica e del Sigur Rós pensiero, ma senza che questi due elementi riescano, in un qualche modo, a rubare la scena alla vera protagonista dell’opera, che è l’Islanda, i suoi incredibili paesaggi mozzafiato, nonché la sua gente e la sua tradizione. Semmai, la musica ed il tour sono un pretesto per far sì che la band, e la sua troupe - e noi di riflesso - possano abbracciare quanti più contesti possibili: dall’artista isolato che per i Sigur Rós costruisce una marimba di pietre da suonare dentro caverne circondate da naturali stalattiti, fino ad arrivare al pranzo tradizionale islandese ed il riarrangiamento del canto popolare di remoti natali. Tutto viene eviscerato con incredibile lucidità e straordinaria intensità da quest’opera discografica, e se la musica dei Sigur Rós pensa ad enfatizzare il lato emotivo dell’operazione, la precisione delle inquadrature del regista Dean De Bloys e la post-produzione smagliante della Kilkk Film ci donano gli occhi più precisi che si possa desiderare possedere nel vedere tale spettacolo.

Impossibile tacere, a questo punto, anche della ricchezza di contenuti di cui è composta l’opera, nonché della sua incredibile versatilità e qualità tecnica. Due DVD, innanzitutto; sul primo, “Heima”, versione maggiormente strutturata dal punto di vista cinematografico della stessa, identica opera presente sul secondo disco, “Performances”, dove i 97 minuti del film divengono un documentario di oltre due ore di durata, in cui non solo troviamo canzoni che non hanno trovato spazio nel final cut della portata principale, ma anche uno sguardo maggiormente approfondito sul dietro le quinte di questa particolare ed unica coda del “Takk… Tour 2006”. Quindi, una pulizia video di incredibile intensità, tanto che i dischi resistono pienamente agli stress dei nostri moderni schermi HD restituendo del rumore video unicamente in un primo piano di un corso d’acqua che scorre all’inverso e rimanendo, nei restanti momenti, su un piano visivo di eccellenza assoluta, tanto che non si rimpiange per nulla una versione Blu-Ray dell’opera. Infine, le tracce audio sono talmente numerose e ben bilanciate, che qualsiasi sia la configurazione del vostro impianto di visione, troverete sicuramente ciò che fa al caso vostro per rendere al massimo l’esperienza piacevole anche per le orecchie: dal DTS più preciso e roboante, ad un PCM stereo non compresso per gli impianti di alta audiofilia, passando dalla codifica Dolby Digital sia multicanale che stereo, per le configurazioni meno d’eccellenza.

Al di là di questa noiosa, quanto necessaria, parentesi tecnica, “Heima” è opera di perfezione assoluta in quanto riesce a far passare la più pura emozione senza filtro alcuno: riusciamo ad avvertire l’amore che i Sigur Rós hanno profuso nei confronti della loro Terra mentre realizzavano il documentario, allo stesso modo percepiamo l’emozione del pubblico che assisteva alle esibizioni di una delle band più originali del pianeta in contesti unici ed irripetibili.

E la luce degli occhi di quei bambini, catturata con estrema sincerità dalla telecamera, saprà scavare dentro di voi un solco incredibilmente profondo, tanto che, al termine della visione del film, l’unica possibilità che avrete a disposizione per tentare di colmare tale vuoto è cominciare a progettare e concretizzare il sogno islandese che, con vostra autentica meraviglia, scoprirete oramai essersi inesorabilmente impossessato di voi.

E’ amore che fa nascere amore, ed è il miracolo migliore nel quale possiamo riporre tutta la nostra fiducia, certi che quest’opera d’arte immortale non potrà mai tradirci.




Dvd 01: Heima (97 min)

01. Intro
02. Glósoli
03. Sé Lest
04. Ágætis Byrjun
05. Heysátan
06. Olsen Olsen
07. Von
08. Gítardjamm
09. Vaka
10. Á Ferð Til Breiðafjarðar Vorið 1922 (con Steindór Andersen)
11. Starálfur
12. Hoppípolla
13. Popplagið
14. Samskeyti / Credits


Dvd 02: Performances (152 min)

01. Glósoli
02. Memories Of Melodies
03. Heysátan
04. Sé Lest
05. Gítardjamm
06. Olsen Olsen
07. Popplagið
08. Á Húsafelli
09. Surtshellir
10. Church
11. Museum
12. Ágætis Byrjun
13. Þorrablót
14. Kvæðamannafélagið Iðunn
15. Á Ferð Til Breiðafjarðar Vorið 1922 (con Steindór Andersen)
16. Vaka
17. Dauðalagið
18. Hoppípolla / Með Blóðnasir
19. Starálfur
20. Vaka
21. Heima
22. Von
23. Samskeyti
24. Tour Diary
25. Credits

Speciale
PREMIERE: guarda il video di "Long Lost Sailor"

Speciale
PREMIERE: guarda il video di "Stramalodio"

Speciale
Dolores O'Riordan: "why can't you stay here awhile"

Speciale
The Pink Floyd Exhibition: Their Mortal Remains

Speciale
ESCLUSIVA: ascolta in streaming "Avventure Tropicali"

Recensione
David Bowie - Heroes