Rock
Kiss, Paul Stanley: "Un giorno i Kiss potranno continuare senza membri originali"


pubblicato in data 20/04/18 da Martina Giovanardi

La voce e fondatore dei Kiss, Paul Stanley,  in un'intervista per PureGrainAudio ha parlato riguardo l'eredità della band. 

Era il 2005 quando il manager dei KISS Doc McGhee disse per la prima volta al New York Times che la band  "stava giocando con l'idea di reclutare un'intera band per indossare il loro famoso trucco". 

 

Alla domanda se c'è qualcosa che ancora si aspetta, Stanley ha risposto:" No, perché sta succedendo ed è successo tutto, vedo l'impronta indelebile che abbiamo creato e il DNA dei Kiss  è in tutte le esibizioni live. Abbiamo anche alzato lo standard di ciò che il pubblico si aspetta ed è incredibilmente gratificante sentrisi dire da altri gruppi e musicisti 'Gee, senza di te, non ci sarei io' è fantastico. Penso che sia una conferma che questa band dovrebbe continuare con o senza di me."

 

Il cantante inoltre conferma il fatto che secondo lui, l'unico modo che ha di continuare una band con una carriera di quasi 50 anni alle spalle è quello di evolversi, convinto che i KISS possano un giorno andare avanti senza membri originali, inclusi Stanley e l'altro co-fondatore Gene Simmons

 

 

"Penso che i Kiss siano un concetto, un ideale, un modo di esibirsi e donare qualcosa al pubblico, e questo va  al di là di me", ha spiegato il cantante "Sono un mio grande fan - penso di essere davvero bravo in quello che faccio - ma non significa che non ci sia qualcun altro là fuori che possa portare qualcosa di nuovo  alla band. Non  un clone, non qualcuno che mi copia , ma come io sono stato influenzato da molte persone, ci sono persone là fuori che sono state infuenzate da me".