Attualità
Deep Purple, Ian Gillan: "Se Ritchie Blackmore non avesse lasciato la band nel 1993 ci saremmo sciolti"


pubblicato in data 19/11/18 da Paolo Spera

Durante una nuova intervista ai microfoni di SiriusXM, la storica voce dei Deep Purple, Ian Gillan è tornato a parlare di uno dei periodi più bui nella storia della band, il 1993, anno in cui Ritchie Blackmore lasciò definitivamente la band, per essere rimpiazzato da Steve Morse.

 

Ricorda Gillan: "Quando è salito a bordo, ha riacceso la band. Eravamo ad un livello abbastanza mediocre. Joe Satriani ci ha salvati dall'annegare completamente e ci ha fatti uscire da un buco che sembrava non avere una fine, ma anche Steve era lì per aiutarci a ricostruire la band, con l' album "Purpendicular". Da lì in poi cambiammo completamente il nostro modo di lavorare."

 

Continua: "Il cambiamento per entrambi i chitarristi fu radicale. Bisogna ricordare una cosa prima. La band stava per affondare negli abissi per Ritchie. Suonavamo in Germania, un luogo in cui eravamo amati, ma gli stadi erano vuoti. Se avessimo continuato così e Ritchie non fosse uscito, ci saremmo sciolti."

 

Steve Morse prese effettivamente il posto di Blackmore nel 1994.