Progressive Rock
Yes: è battaglia nella band per lo sfruttamento commerciale del nome


pubblicato in data 14/04/17 da Simone Maurovich
L’induzione nella “Rock And Roll Hall Of Fame 2017” sembrava aver placato i sempre caldi animi all’interno dei mitici Yes.
 
Ebbene questa quiete prima della tempesta è terminata, dando il la a nuove polemiche su chi abbia realmente il diritto di poter utilizzare commercialmente il marchio della band.
Fino alla morte di Chris Squire infatti, gli altri componenti avevano accettato fosse lo storico e unico membro sempre presente durante tutta la vita della band ad utilizzare i diritti del marchio anche se, ci tiene a precisare il management del gruppo, a detenere i diritti non era il solo Squire ma anche Jon Anderson, Steve Howe e Alan White.
La morte di Squire però, avvenuta nel 2015, ha scoperchiato di nuovo il vaso di Pandora, con rancori mai del tutto sopiti che sono tornati a galla di recente.
Esistono infatti al momento due band con lo stesso nome: gli Yes feat. Jon Anderson, Rick Wakeman e Trevor Rabin ed un’altra sempre con il nome Yes feat. Steve Howe e Alan White.
 
A complicare ulteriormente le carte in tavola sembra ci sia anche la vedova Squire anche se, è giusto sottolinearlo, al momento attuale non è del tutto chiaro se abbia o meno voce in capitolo in questa annosa vicenda.