Grunge
Soundgarden, Chris Cornell: "Siamo stati noi stessi i creatori della nostra identità"


pubblicato in data 29/12/16 da Simone Maurovich
Chris Cornell è stato recentemente intervistato dal chitarrista dei Pearl Jam Mike McCready e, secondo Pulse Of The Radio, avrebbe rilasciato delle dichiarazioni sui primi giorni di vita dei Soundgarden.
 
È stata una di quelle cose nuove, quella fase in cui scrivi 10/15 canzoni in poche settimane. Ha avuto subito un senso per noi quello che scrivevamo, una sua identità. Non come qualsiasi altra cosa. Ricordo solo quel momento come davvero euforico,perché stavamo inventando le nostre cose”.
 
Lo stesso Cornell ha poi analizzato l’impatto che il successo della scena musicale di Seattle ebbe nel mondo della musica: “C’è stato molto in quel momento, molto di più rispetto a quello che la gente sia riuscita a capire. Credo che si sia avuto successo grazie a band come Soundgarden, Pearl Jam, Nirvana e Alice In Chains. C’era davvero molto in corso..”.
 
Il chitarrista dei Soundgarden, Kim Thayil, ha dichiarato qualche tempo fa a Pulse Of The Radio ciò che gli manca di quel periodo: “Mi manca quella sorta di cameratismo che c’era in quel momento. Certo adesso è più semplice grazie a email e cellulari, ma qualche volta si perde quel senso di comunità che avevamo a Seattle allora, con una dozzina di band”.
 
Lo stesso Cornell ha poi detto la sua sull’epoca di Seattle: “Nel corso del tempo credo si sia deteriorata, come fanno tutte le scene del resto. Ma c’è da dire che è stato comunque emozionante e credo anche che nessuno di noi sapesse che non era la stessa cosa nelle altre città degli Stati Uniti mentre in realtà non era così”.