AttualitÓ
Roger Waters: "Donald Trump come Ceaușescu e Saddam Hussein"


pubblicato in data 09/03/17 da Cristina Cannata
In una recente intervista a The Guardian, Roger Waters ha parlato della sua opera più grande "The Wall", pubblicata nel novembre del 1979, discutendo su come l'intero lavoro fosse figlio del clima politico dell'epoca. 

L'ex Pink Floyd non ha mai nascosto la sua profonda antipatia verso il neoeletto Presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, tanto da progettare uno show di "The Wall" da tenere sul confine tra gli USA e il Messico, ove Trump ha più volte dichiarato di voler costruire un vero e proprio muro. 

"Ciscun despota, ogni volta che costruisce un monumento a se stesso, che sia Ceaușescu, o Saddam Hussein, o Donald Trump, guardano sempre ed esattamente alla stessa cosa. Stranamente, a queste persone manca qualcosa a livello di sensibilità, così è come se loro costruissero un monumento a loro stessi sempre pieno di rubinetti in marmo e oro. Guardate Trump e la sua Trump Tower sulla Fifth Avenue a New York. E' perfetta. Trump con i suoi rubinetti dorati e tutte le sue cose. E' il simbolo perfetto di tutto ciò che noi dovremmo evitare".