Rock
Pearl Jam: la band di Seattle è stata ammessa nella Rock and Roll Hall Of Fame


pubblicato in data 08/04/17 da Costanza Colombo
Tenutasi al Barclays Center di Brooklyn (N.Y), l'edizione 2017 della cerimonia di ammissione alla Rock and Roll Hall of Fame ha avuto cinque protagonisti indiscussi: Chuck Berry, al cui tributo è stata dedicata l'apertura dell'evento sulle note della strepitosa versione di "Roll Over Beethoven" della Electric Light Orchestra, gli Yes, finalmente introdotti a un passo dal 50esimo anniversario della loro formazione, Prince attraverso il tributo di Lenny Kravitz, la controversa partecipazione di Steve Perry e naturalmente i Pearl Jam.
 
A sostituire il grande assente, Neil Young, momentaneamente fuori dai giochi a causa dei suoi recenti problemi di salute è stato il presentatore TV statunitense David Letterman. Dopo aver colto l'occasione per tirare una frecciatina a Ticketmaster, in riferimento all'ormai storica campagna della band di Seattle contro il suddetto colosso dello show-business, Letterman ha lasciato il campo a una nuova invettiva di Eddie Vedder atta a sensibilizzare sul problema del cambiamento climatico.
 
"Eccoci qua, in questa era della tecnologia moderna, e c'è ancora molto su cui evolverci. Il cambiamento climatico è reale - non è una bufala" Ha dichiarato il frontman. "Non possiamo essere la generazione a cui guarderà poi la Storia pensando 'perché non hanno fatto tutto quello che era umanamente possibile per risolvere il più grande dei problemi?'"
 
Detto questo è stato infine il momento di lasciar parlare la musica e la band  ha incendiato gli animi con una performance da manuale dedicata a tre dei loro cavalli di battaglia: "Alive," "Given to Fly" e "Better Man." Si segnala, dopo 25 anni di assenza, l'avvistamento, dietro alle pelli, del batterista di "Ten", Dave Krusen. Vedder ha comunque colto l'occasione per ringraziate anche gli altri batteristi della band, incluso Dave Abbruzzese, il quale non aveva certo accettato di buon grado il mancato invito alla cerimonia.
 
A seguire, la serata si è conclusa in grande stile con una straordinaria all-star jam session, capitanata da Vedder, dedicata all'universalmente amata "Rockin' in the Free World" di Neil Young.
 
Merita anche menzionare il momento in cui, citando "Johnny Be Goode", la regia ha proiettato l'immagine di uno dei presenti in sala sul maxi-schermo. Non poteva non trattarsi che di Michael J. Fox. Del resto, come qualcuno ha fatto notare, in pratica è stato Marty McFly a inventare il Rock!