Attualitą
Chris Cornell, parla la moglie Vicky: "Lui non voleva morire"


pubblicato in data 29/06/17 da Cristina Cannata
Per la prima volta, a distanza di più di un mese dal tragico episodio della morte di Chris Cornell, la moglie, Vicky ha rilasciato un'intervista a People

Sulla scia di precedenti dichiarazioni, Vicky rimarca la sua convinzione che in realtà siano stati i medicinali di cui Cornell faceva uso ad aver alterato il suo stato mentale: "Il mio Chris era felice, amorevole, premuroso e affettuoso. Non era depresso - non è stato questo che non ho notato. Non ho notato i segni della dipendenza". 

Nonostante i medici continuino a dire che le diverse medicine ritrovate nel corpo della voce dei Soundgarden non siano state così determinanti per il gesto compiuto, Vicky ne è più che sicura: "La dipendenza è una malattia. Questa malattia può assalirti e avere pieno potere". 

Secondo Vicky il principale responsabile dell'alterazione sarebbe stato un particolare ansiolitico, l' Ativan, che segnala come rarissima controindicazione "pensieri suicidi": "Non voleva morire. Se fosse stato in sè, non l'avrebbe mai fatto". 

"Voglio fare tutto ciò che è in mio potere per accertarmi che altri bambini non piangano come i miei hanno fatto" ha aggiunto.