Papa Roach - Who Do You Trust? EU Tour
18/06/19 - Estragon, Bologna


Articolo a cura di Dario Fabbri

Quello dei Papa Roach in Italia è stato un ritorno decisamente gradito e atteso, ma anche una garanzia di divertimento e adrenalina a mille. Davanti ad un Estragon gremito di fan da tutto il Belpaese (e non solo), i ragazzi capitanati dal carismatico Jacoby Shaddix si sono confermati come uno dei nomi più caldi e meritevoli del panorama alternative/nu metal contemporaneo.

 

Ad aprire le danze ci hanno pensato i Ros, band italiana emersa da un talent show. Il trio ha riscaldato per bene il pubblico bolognese, grazie anche a piccole sorprese azzeccate come la cover dell'intramontabile "Killing In The Name" dei Rage Against The Machine. Dopo una buona mezz'ora di hard-rock, il gruppo lascia il palco tra gli applausi del pubblico rimasto soddisfatto.

 paparoachbologna_600

 

Giusto il tempo di preparare il palco e di far salire l'hype a tutti i presenti, ed ecco che entrano sul palco i grandi protagonisti della serata sulle note dell'esplosiva "Who Do You Trust?", che carica in modo spropositato tutti i presenti. I Nostri, però, ne hanno davvero per tutti: sfoderando la storica "Dead Cell", mandano in visibilio i fan di vecchia data, mentre con il singolo "Help", il gruppo fa cantare tutto l'Estragon. Arrivati a "Renagade Music", Shaddix vuole rendere ancor più esplosivo il mosh-pit, incitando a gesti e a voce il pubblico a pogare. Ed è stato l'inizio della fine: le successive "Between Angels And Insects", "Elevate", "Not The Only One" e "Traumatic" hanno visto il pubblico saltare, pogare e cantare a squarciagola, ripagando in pieno le ore passate in fila sotto al sole ai presenti. Con le ballad "Forever" e "Scars", il quintetto rallenta un po', ma al tempo stesso conquista definitivamente i cuori dei presenti. Terminate le ballad, ci pensa "...To Be Loved" a far riscatenare il pubblico, con uno dei poghi più impressionanti della serata.

 

Il gran finale è affidato alla celeberrima "Last Resort", con la quale i Papa Roach si guadagnano un applauso di più di due minuti, interrotto da un Shaddix visibilmente incredulo. Dopo l'ovazione per gli headliner, sono seguiti cori e applausi per Chester Bennington dei Linkin Park e Shaddix ne ha approfittato per fare un discorso molto toccante sul tema della depressione, introducendo così la cover di "Firestarter" dei The Prodigy, dedicata allo scomparso Keith Flint. Con la celebre "Born For Greatness", il gruppo mette la parola fine ad uno spettacolo decisamente intenso nel migliore dei modi, rendendo estremamente soddisfatti (e sudati) i fan italiani.

 

Terminata l'ora e mezza, probabilmente anche i più scettici si sono ricreduti: nonostante i 20 anni di carriera alle spalle, i Papa Roach sanno ancora fare casino, mandare in visibilio le folle e al tempo stesso parlare di temi delicati usando parole semplici. Esperienza memorabile, a dir poco. 

 

Setlist Papa Roach:

 

Who Do You Trust? 

Dead Cell

Help

Getting Away With Murder

Renegade Music

Between Angels And Insects

Elevate

Not The Only One

Traumatic

Forever

Scars

Falling Apart

Feel Like Home

...To Be Loved

Encore:

Last Resort

Firestarter (cover The Prodigy)

Born For Greatness 

 

 




LiveReport
Nick Mason's Saucerful Of Secrets - Roma Summer Fest 2019 - Roma 16/07/19

LiveReport
Muse - "Simulation Theory" World Tour - Milano 13/07/19

LiveReport
Rock The Castle 2019 - Day 3: Slayer and more - Villafranca di Verona 07/07/19

LiveReport
Rock The Castle 2019 - Day 2: Slash feat Myles Kennedy & The Conspirators and more - Villafranca di Verona (VR) 06/07/19

LiveReport
Rock The Castle 2019 - Day 1: Dream Theater and more - Villafranca di Verona (VR) 05/07/19

LiveReport
Toto - 40 Trips Around The Sun Tour - Roma 04/07/19