Nicke Borg Homeland Tour
08/12/16 - Legend Club, Milano


Articolo a cura di Marilena Ferranti
Con 20 anni di onorata carriera come principale compositore, cantante e fondatore dei Backyard Babies, Nicke Borg è un uomo esile, iper tatuato e dal curioso taglio di capelli, un pò mohicano un pò punk. Il suo è un look quasi dimesso, con jeans stretti e camicia a quadri, lo sguadro aperto e trasparente e il sorriso rassicurante ma schivo. Come spiegherà meglio lui stesso durante il concerto, putroppo questa di Milano è destinata a rimanere l'unica data italiana per questa volta.
 
 

Ed eccoci al Legend Club, dove nonostante la nebbia fitta, l'umidità al 99% e la città semi-deserta per il ponte dell'Immacolata, più di qualche coraggioso si è presentato all'appello.

 

DUSTINEYES

La serata si apre con una performance acustica del tutto inaspettata, soprattutto per chi come me, prima di assistere a un loro live, aveva provato a farsi un'idea sui Dustineyes ascoltando i loro lavori e guardando qualche video online. Insomma una band che definisce il suo sound un "high-speed rock'n'roll", una cantante arrabbiata e trasgressiva e un manipolo di "brutti ceffi" (non me ne vogliano) al seguito era quanto di più punk rock ed energetico mi potessi aspettare... E invece eccoli qui: quasi eleganti e composti, in formazione acustica con chitarra, cajon e basso, con la bellissima e all'apparenza fragile Flo (Florine C. Hugener), voce carismatica e struggente che non mancherà di garantire qualche brivido in più di un'occasione. Ottimi musicisti, i ragazzi hanno suonato 6 canzoni tratte dal loro repertorio (il primo album dei 4 pubblicati è del 2009) e una cover quasi irriconoscibile ma ben riuscita dei Ramones - "Pet Sematary", raccogliendo molti applausi nonostante le atmosfere purtoppo spesso ridondanti (colpevole forse la forzatura acustica) dei pezzi. Vi consigliamo di ascoltarli nella loro versione elettrica, l'album si chiama Rat Race ed è fresco di pubblicazione (nel booklet spicca anche un bell' omaggio a Lemmy Kilmister).


Setlist:

Hate Me

Bye Bye Bye

Crook or Soldier

Raise Hell Crew

The Beast

Pet Sematary (Ramones Cover)

Another Day

 

dustineyes. 

 

 

NICKE BORG

Sul palco campeggiano ora una chitarra e un tavolino illuminato dalle luci di scena che sembra galleggiare nel vuoto, sostenendo un cappuccino e qualche bottiglia d'acqua. Stiamo tutti aspettando lui, l'amatissimo frontman dei Backyard Babies che nel 2010 ha deciso di raccogliere le idee per un progetto solista lasciandosi ispirare dai suoi modelli di sempre quali Johnny Cash, Steve Earle, Guns'N'Roses, Rancid e Social Distortion. "Homeland" è un percorso fatto di generi che si mescolano a seconda del contributo dei musicisti, ospiti o amici e si articola su tre veri e propri capitoli: Chapter 1 (2010), Chapter 2 (2011), Ruins Of a Riot (2013) e stasera ne avremo più che qualche assaggio.

 

nicke_borg. 

 

Accompagnato solo da un chitarrista, Nicke apre salutandoci e ringraziandoci per l'inaspettato calore e imprecando contro l'umidità e il freddo della notte Milanese. Si comincia con "Nomadic" e le voci del pubblico si fanno sentire con affetto, per poi immergersi subito nel lato spiccatamente country di molti dei pezzi di Borg con "All Stars", che su disco si presenta col featuring di Camela Leierth, e un successo targato Backyard Babies con "A Song For The Outcast". Nicke scherza raccontando di aver terminato le magliette durante le ultime date svedesi, e si raccomanda di approfittare dei saldi di Natale per acquistare uno dei suoi cd a prezzo scontato prima di proseguire con "Back On The Juice" e "Alone". Come i fans più accaniti certamente sapranno, Nicke è sempre stato un grande fan dei Guns'n'Roses e dei Social Distortion, e raccontando delle sue collaborazioni introduce "Painkiller", pezzo scritto con con Tyla dei Dogs D'Amour. Seguono un'infilata di capolavori al limite della lacrima facile: "Bloody Tears", "Roads" e "Leaving Home", che per fortuna vengono stemperati da un momento assolutamente godereccio in cui parte la cover country di "King of fools" seguita dalla celebre "Minus Celsius". Ed eccoci alla ragione per cui Nicke non suonerà in Italia nei prossimi due giorni come previsto: una persona cara della sua famiglia è garvamente ammalata di cancro, e questo gli impedisce di stare lontano da casa a lungo. Con una bellissima dedica a tutte le persone che hanno perso i loro cari o che combattono contro questa piaga, ci regala l'esecuzione da pelle d'oca di "Rainbow" e subito dopo il colpo di grazia con "Abandon". Menomale che Nicke ha pensato di alternare momenti di pathos alle stelle ad altri di coinvolgimento e spensieratezza con una cover di "The Ring of fire" (Johnny Cash) spiegando che si tratta di una versione del periodo in cui i Backyard Babies, ancora giovanissimi e sconosciuti, facevano "solo" cover. E siamo quasi alla fine: solo un paio di ultimi pezzi prima di salutarci con un'inaspettata versione di "Champagne Supernova" degli Oasis. Pare che la scaletta prevedesse altri tre o quattro canzoni (tra cui una cover di "Every Rose Has Its Thorn" dei Posion) ma Nicke ci ricorda amaramente che domattina lo aspetta un volo per tornare a casa, un po' come accade sempre quando qualcosa di emozionante finisce, ma ci lascia anche con una promessa: i Backyard Babies torneranno presto in Italia, e si parla già della prossima estate.

 

Setlist

Nomadic

All Stars

A Beautiful Affair

A Song For The Outcast

Back On The Juice

Alone

Painkiller

Bloody Tears

Roads

Leaving Home

King of Fools (Country Classic)

Minus Celsius

End of the Rainbow

Abandon

Ring of Fire (Johnny Cash)

Saved By The Bell

Roads

Champagne Supernova (Oasis)




Speciale
PREMIERE: guarda "Flesh Tight", il nuovo video dei Triggerfinger

Speciale
Chris Cornell: "I'm gonna break my rusty cage"

Speciale
Libri: Confessioni di un Eretico - Tra sacro e profano nei Behemoth e oltre

Speciale
ESCLUSIVA: guarda il nuovo video dei Final Cut

Speciale
ESCLUSIVA: ascolta il nuovo singolo di Kari Rueslåtten

LiveReport
Kiss - World Tour 2017 - Casalecchio di Reno (BO) 16/05/17