Gojira - Tour 2016
08/06/16 - Alcatraz, Milano


Articolo a cura di Salvatore Dragone

I Gojira si presentano per la prima volta in Italia da protagonisti con due show da headliner a Treviso e Milano. Un bel passo in avanti nella carriera della band francese lanciata verso la definitiva consacrazione nel panorama metal mondiale. Sono passati ben 4 anni dalla loro ultima apparizione nella penisola, quando aprirono il concerto dei Metallica ad Udine con una manciata di canzoni (alcuni problemi al tour bus li costrinsero a tagliare drasticamente la scaletta). Da lì in avanti nessun altro show italiano (annullarono all'ultimo una data a Roma con i Mastodon nel 2012) fino ai due recentissimi concerti per promuovere il nuovo album "Magma" in uscita il 17 giugno.

 


Grande attesa dunque per la band dei fratelli Duplantier che nella data meneghina all'Alcatraz, aperta dagli italiani Bleed Someone Dry, riscuote una buona affluenza di pubblico.
Poco dopo le 21 i Gojira fanno il loro ingresso sul palco con la furia di "Toxic garbage island", uno dei pezzi più rappresentativi del capolavoro "The way of all flesh", scatenando subito l'euforia dei fan che da lì alla fine non smetteranno di divertirsi e pogare. Impressionante il muro di suono generato dal quartetto francese grazie anche all'ottima qualità dell'impianto audio del club che esalta i dettagli e la potenza dei loro strumenti, fattore fondamentale per una band che fa dell'impatto uno dei suoi punti di forza. Evidente ormai anche l'alchimia raggiunta tra i musicisti capaci di reggere un intero show seppur con una scenografia e un disegno luci piuttosto scarno, gli anni passati on the road con i mostri sacri della musica heavy hanno forgiato un gruppo convinto dei propri mezzi e che si diverte proprio a stare su un palco. Il carisma dei fratelli Duplantier, la carica di uno scatenato bassista Jean-Michel Labadie e la precisione chirurgica del chitarrista Christian Andreu trascinano il pubblico per due ore filate in cui vengono eseguiti i grandi classici della loro discografia: da "Link" passando per "L'Enfant Sauvage" i Gojira tirano fuori perle assolute come "Oroborus", "Flying Whales", "Explosia" e "The Art of Dying". Superano a pieni voti l'esame live anche le nuove "Silvera" e "Stranded", i singoli che anticipano il nuovo capitolo in studio sono semplici ma studiati per essere devastanti dal vivo.
Prima dell'encore con "Clone" e "Vacuity" c'è lo spazio anche per un breve solo di Mario Duplantier che cerca e ottiene l'interazione con il pubblico pronto a seguire a tempo con le mani i suoi fill di batteria. Lo show milanese conferma i Gojira delle vere e proprie macchine da guerra, i suoni enormi e l'energia delle loro canzoni hanno fatto la gioia dei sostenitori di vecchia data e stupito chi li ha visti per la prima volta in azione. Ora c'è solo da incrociare le dita perché non passi così tanto tempo per il prossimo passaggio in Italia.

 


Setlist


Toxic Garbage Island
L'Enfant Sauvage
The Heaviest Matter of the Universe
Silvera
Stranded
Flying Whales
Wisdom Comes
The Art of Dying
Remembrance
Terra Inc.
Explosia
Oroborus
Drum Solo
Clone
Vacuity




Speciale
L'angolo oscuro #22

Speciale
FM - Tough It Out Live

Speciale
The End Machine - Phase2

Recensione
Primal Fear - I Will Be Gone [EP]

Recensione
Nad Sylvan - Spiritus Mundi

Intervista
Stranger Vision: Ivan Adami, Riccardo Toni