Periphery + Destrage + The Contortionist - European Unrest Tour
05/05/17 - Santeria Social Club, Milano


Articolo a cura di Federico Barusolo
Una serata particolarmente ricca per gli appassionati di progressive/alternative metal quella che è andata in scena lo scorso venerdì (5 maggio) al Santeria Social Club di Milano. Nel bill che ha proposto da protagonisti i Periphery, celebri paladini del djent, hanno calcato il palcoscenico anche Destrage e The Contortionist, ospiti decisamente all'altezza della prestigiosa headliner. Lo "European Unrest Tour" è appena cominciato, ma l'assortimento di queste tre realtà sembra promettere molto bene, rappresentando un piatto veramente ricco per tutti coloro che si sono accaparrati un biglietto.


Un elevato entusiasmo è già, infatti, palpabile quando, alle 20.30 circa, fanno il loro ingresso in scena i Destrage, band di casa che dimostra subito di godere di un pubblico molto nutrito ed affezionato. I ragazzi di Milano aprono proponendo pezzi del loro ultimo, acclamato, "A Means To No End", scaldando a dovere i già numerosi presenti e scatenando un consistente circle pit sulle note di "Don't Stare At The Edge".

 

destrage5501

 

La potenza della batteria di Federico Paulovich accompagna il growl di un energico Paolo Colavolpe nell'aizzare la folla sempre più agitata sotto al palco, mentre la band alterna materiale nuovo a brani di "Are You Kidding Me? No.", release datata 2014. I rigidi riff e il tapping sfrenato delle chitarre fa così trascorrere la mezzora concessa ai Destrage, che si congedano con uno dei loro cavalli di battaglia, "Purania".

 

Giusto il tempo di un rapido cambio palco e a fare il loro ingresso in scena sono i The Contortionist, band di Indianapolis che già avevamo potuto apprezzare sui nostri palcoscenici un anno fa, in occasione delle loro tappe italiane a supporto di niente meno che i Tesseract. La nutrita line-up parte leggermente in sordina allo scopo di ricreare una lenta atmosfera, impreziosita dalle tastiere di Eric Guenther, salvo poi scatenarsi attraverso le potenti ritmiche incalzate dal batterista Joey Baca ed il bassista Jordan Heberhardt, sulle quali la voce di Michael Lessard appare a tratti un po' debole.

 

contortionist550 

 

Attorno alle 22.45 salgono finalmente sul palco i Periphery. Con qualche minuto di ritardo, la band guidata dal frontman Spencer Sotelo entra in scena e si fa subito perdonare, scaldando il pubblico con due brani del periodo di "Juggernaut": "A Black Minute" e "Stranger Things". Il djent della band di Washington D.C., considerata una delle pioniere del genere, scuote la Santeria per mezzo delle chitarre di Misha Mansoor e Mark Holcomb, che si rincorrono attraverso corde a vuoto, armonici e pesanti distorsioni. È proprio la sintonia tra i due ad accendere i fan accorsi a Milano, che il vocalist incita con comandi precisi: "circle pit!".


La sezione ritmica è orfana di Adam Getgood, bassista ritiratosi dall'attività in tour da ormai un anno (ma comunque citato e ringraziato dalla band), ciononostante l'energia sprigionata da Matt Halpern alle pelli conduce una performance che si spinge in una parte centrale composta dai pezzi più recenti di "Periphery III: Select Difficulty". Il bel chorus di "Marigold" fa alzare un coro unisono in sala, che prosegue scatenato sulle note di "Prayer Position". Il tempo di estrarre gli accendini arriva quando Mark Holcomb ripulisce un attimo la sua chitarra per farsi accompagnare nella cover strumentale di una delicata "Memento", degli Haunted Shores.

 

periphery5503

 

Attraverso "Psychosphere" e "Masamune" si giunge poi all'epica conclusione che ci si aspetta da serate di questo calibro. Dopo una breve ritirata della band ed una piccola improvvisazione di un divertito Halpern ad accompagnare con la batteria il grido di "one more song!" intonato dalla folla, l'encore è affidato infatti a "Lune" e al suo prolungato coro finale, che prosegue anche una volta che i musicisti hanno abbandonato gli strumenti e i presenti hanno iniziato lentamente a svuotare la sala.


Sudate e soddisfatte, le teste colorate dalle più originali acconciature, defluiscono verso l'uscita con le orecchie ancora fischianti, ma consapevoli dell'unicità dello spettacolo (per altro, sold-out) appena conclusosi.

 

periphery5502 




Speciale
Pink Floyd: il lato oscuro del successo

Speciale
PREMIERE: guarda il video di "Play Restart"

LiveReport
System Of A Down, Prophets Of Rage - Firenze Rocks - Firenze 25/06/17

LiveReport
Hellfest 2017 - Clisson, Francia 16/06/17

LiveReport
Eddie Vedder - European Tour 2017 - Firenze Rocks - Firenze 24/06/17

LiveReport
Aerosmith - "Aero-Vederci Baby!" Tour - Firenze Rocks - Firenze 23/06/17