The Dillinger Escape Plan Tour 2017
01/07/17 - Zona Roveri, Bologna


Articolo a cura di Isadora Troiano
I Dillinger Escape Plan stanno portando in giro per l’Europa e l’Italia il loro ultimo tour e si vede. Si vede perché la Zona Roveri di Bologna è gremita già dall’apertura porte, nonostante l'alta temperatura all’interno del locale che collide con la fresca serata estiva all’esterno. Il pubblico, scaldato dalle band Zeus e Ovo, è totalmente concentrato dentro il locale quando, puntuali alle 22:30, i Dillinger si presentano sul palco, carichi come non mai.
Le danze si aprono subito con "Prancer", impostando immediatamente il ritmo di tutto lo show; la risposta del pubblico non si lascia attendere e si scatena subito un pogo serrato, mentre Greg Puciato e i suoi fanno esplodere tutta la loro energia.
 
È uno show senza un attimo di respiro, con i Dillinger che spaziano ampiamente nella loro discografia, indugiando maggiormente sui pezzi più recenti come "Hero of the Soviet Union", "Limerent Death" e "Symptom of Terminal Illness".
Questa è una delle due pecche del concerto degli statunitensi alla Zona Roveri (che però è in linea con le precedenti performance della band durante questo tour): essendo un tour d’addio, ci si sarebbe aspettato qualche “regalino”, qualche chicca dal passato e una scaletta più variegata, mentre i brani degli ultimi lavori dei Dillinger Escape Plan sembrano farla da padrone sulla proposta generale dei loro concerti.
L’altra pecca, che però potrebbe essere giustificata, è la durata dello show: 16 pezzi totali per poco più di un’ora di concerto. La giustificazione, come si diceva, può essere trovata nel fatto che si è trattato di un’ora ad altissima carica di energia e brutalità, come solo un gruppo di maestri del genere come i Dillinger Escape Plan possono fare. 
 
dillingerescapereport2
 
Ma a parte questi due appunti che lasciano un leggero retrogusto amaro ai fan della band, lo show dei Dillinger Escape Plan è un concentrato di adrenalina, potenza e tecnica che fa tremare i muri della Zona Roveri. 
I brani si susseguono uno dopo l’altro, senza tregua, da "Panasonic Youth" a "Farewell, Monna Lisa", e con la tripletta finale dell’encore "Good Neighbor", "Sunshine The Werewolf" e "43% Burnt", veri e propri classici, il pubblico va letteralmente in delirio. 
Quello dei Dillinger Escape Plan è quindi un degno saluto al pubblico italiano che li ha sempre seguiti con passione e dedizione e che, nel profondo, spera ancora che si tratti solo di un arrivederci. 
 

Setlist

Prancer

When I Lost My Bet

Black Bubblegum

Milk Lizard

Panasonic Yough

Surrogate

Symptom of Terminal Illness

Weekend Sex Change

Hero of the Soviet Union

Nothing To Forget

One of Us Is The Killer

Farewell, Monna Lisa

Limerent Death

Encore

Good Neighbor

Sunshine The Werewolf

43% Burnt




Speciale
PREMIERE: guarda il video di "The Come Up" degli Shaman's Harvest

Speciale
"My mind is a bad neighbourhood": la vulnerabilità dei nostri idoli

Speciale
Il canto del cigno degli HIM

Intervista
Mr. Big: Paul Gilbert

Speciale
Libri: David Bowie - La Storia del Rock

Speciale
PREMIERE: guarda il video di "I See The Monsters"