Tanzan Music Festival @ Rock in Park
17/09/17 - Legend Club, Milano


Articolo a cura di Marilena Ferranti

In un quartiere di Milano in cui sono custoditi alcuni dei gioielli dei tempi fastosi della città che fu come Villa Clerici, la Chiesa di San Martino in Niguarda, il Parco Nord e l'Ospedale Maggiore, sorge anche uno degli ultimi templi del rock, immerso in un angolo di verde che affaccia sul trafficatissimo Viale Enrico Fermi. Passando in macchina nei weekend vi potrà capitare di scorgere ingombranti bus a due piani, le tipiche case ambulanti dei musicisti in tour, perchè il Legend, per chi ama la musica dal vivo, è ancora un porto sicuro.
Siamo all'ennesima edizione del Rock in Park, kermesse che vede una programmazione fittissima di serate live, coinvolgendo ogni anno artisti internazionali ed emergenti, e dà la possibilità di godersi serate di qualità a chi ancora porta il proprio fondoschiena fuori di casa per sostenere la musica live invece di lamentarsi della penuria di concerti e di prodotti interessanti.

 

Questa domenica di inizio autunno vede la serata interamente dedicata a una delle realtà che attualmente in Italia si prodiga di più per dar voce agli artisti emergenti e che ha nel suo roster alcune delle gemme del nostro panorama Hard Rock così come piccoli, promettenti diamanti grezzi di cui sentiremo sicuramente parlare a breve.
Tanzan Music Night, la notte a celebrazione di un'etichetta discografica nata da un'esperienza di 20 anni nell'editoria musicale che si occupa di distribuzione, produzioni artistiche, songwriting, arrangiamenti e studio di registrazione in collaborazione con produttori, musicisti, ingegneri del suono, compositori e insegnanti di fama internazionale che popolano anche la Tanzan Music Academy, sede del Modern Music Institute per le province di Lodi e Piacenza, una scuola di musica dove la materia più importante è la passione.

 

Questa sera si alternano sul palco quattro band con un unico comun denominatore: la spettacolare resa live. L'affluenza è decisamente buona, nonostante il diluvio che si scatena appena cala il sole, ma per fortuna a illuminare il palco ci pensano i Six Impossible Things, giovanissimo duo fresco di pubblicazione del primo album di inediti "We Are All Mad Here".
 
"When I was your age, I always did it for half-an-hour a day. Why, sometimes I've believed as many as six impossible things before breakfast." 
(Through the Looking-Glass, and What Alice Found There 1871 - Lewis Carroll) 
 
Un nome che evoca e conferma la bellezza del credere nei propri sogni per quanto possano sembrare impossibili, la freschezza di un duo che porta in scena solo le proprie voci, una chitarra acustica e un'evidente ed encomiabile preparazione tecnica mascherata da timida semplicità.
La scaletta propone pezzi moderni, un po' Ed Sheeran un pò indie, premiando la voce di Nicole Fodritto che senza particolari fronzoli e maschere eplode nel microfono con un mestiere disarmante e che va al di là della sua giovane età, portata in trionfo dal tappeto di note che Lorenzo Di Girolamo stende ai suoi piedi con la sua acustica a la sua loop station. Per essere assolutamente pronti a spiccare il volo gli manca solo una maggior convinzione nelle armonizzazioni, che spesso vengono fuori con troppa timidezza nonostante se ne intuisca il potenziale. Emozionatissimi e sorridenti, i ragazzi lasciano il palco con gli applausi entusiasti del pubblico.
 
Setlist
 
I Don't know 
Why The World Has Gone Mad?
Words 
Smiles 
Children Forever
Memory

 

siximpossiblethings18092017570

 

Seconda proposta della serata i Soul Seller, torinesi in pista dal 1999 nati da un'idea dei fratelli Zublena. Dopo i primi dieci anni passati ad autoprodursi demo e a consumare i palchi del nord Italia, nel 2010 arriva l'album di debutto "Back to Life", prodotto da Alessandro Del Vecchio. Alcuni anni e cambi di line up dopo, la band viene accolta nel roster Tanzan e rilascia "Matter of Faith", uno degli album più acclamati della scena melodic rock nel 2016. Arrangiamenti a dir poco ricamati, una produzione di altissimo livello e un songwriting che non ha nulla da invidiare ai pesi massimi del genere. L'esebizione si apre con "Neverending" e coinvolge da subito il pubblico ancora sognante per la bella chimica che ha impregnato la venue poco prima. I Soul Seller non sono mai banali, spaziano dal rock melodico al metal, e con la loro potenza di fuoco sembrano sei guerrieri troppo rumorosi per il piccolo palco del Legend. La voce di Eric Concas ha una versatilità sorprendente, nessun cedimento e moltissimo carisma, merito anche del lavoro impeccabile della band, che riesce a rendere d'impatto ogni singola nota che canta. Menzioni davvero speciali per Simone Morandotti alle tastiere, che passando dai suoni più tipicamente anni '80 a quelli più classici, è riuscito a tessere una trama assolutamente perfetta e di carattere ammaestrando i suoi tasti ed emozionando il pubblico in ogni esecuzione. Spettacolare la resa live di "Memories", una ballad che arriva dritta al cuore e delle cantatissime "Matter of Faith" e "Wings of Freedom". 

 
Setlist
 
Neverending
Matter of Faith
Wings of Freedom
Tide is Down
Memories
Get stronger
Given to Love

 

soulseller18092017570_01

 

E' il momento degli Hungryheart, band ormai ben nota a tutti gli appassionati del genere per il suo stile unico che porta la firma di uno dei chitarristi e compositori più rispettati del panorma italiano e internazionale, Mario Percudani. Reduci da un biennio di innumerevoli date live tra Italia ed estero (mattatori del H.E.A.T festival in Germania lo scorso novembre) ci presentano una scaletta che ripercorre i tre album all'attivo, nonchè le recenti tracks di "Dirty Italian Job" (2015). Un sound fresco e ricercato che spazia dal blues all'hard rock, con una sezione ritmica (Botteschi - Scola) iper affiatata e dal tiro micidiale e una voce, quella di Josh Zighetti, che completa la miscela segreta a cui lavorano dagli esordi: HH, la vera formula chimica del rock. Fin da subito la partecipazione e l'entusiasmo del pubblico avvolgono la band in un caloroso abbraccio. Ci sono perfino fan muniti di bandierine col logo della band, e la scaletta proposta non fa che accendere ulteriormente gli animi. Si notano la grande esperienza di palco, l'affiatamento e la padronanza assoluta degli stumenti di quattro artisti navigati che si divertono come bambini facendo divertire il proprio pubblico. Tutte le canzoni vengono cantate all'unisono riempiendo non solo il parterre ma anche l'atmosfera del Legend nel momento di maggior affluenza della serata. Dopo aver proposto i loro più grandi successi come il gioiello AOR di "One Ticket To Paradise" e "There Is A Reason For Everything" arriva il gran finale con "Shoreline", primo singolo del loro ultimo lavoro che ha un ritornello talmente cantabile che il pubblico decide autonomamente di continuare a intonarlo per qualche minuto anche dopo la fine del pezzo come un coro da stadio chiedendo un bis a gran voce. Putroppo non è possibile, l'ultima band della serata è già pronta per esibirsi. 

 

Setlist
 
There is a Reason for Everything
Angela
Second Hand Love
Love is The Right Way
Let's Keep on Trying
One Ticket to Paradise
Shoreline

 

hungryheart18092017570

 

Chiudono in bellezza i paladini del Southern rock italiano, gli Smokey Fingers. Nati nel Lodigiano nel 2008 in seguito a svariate jam session a cui partecipavano il batterista Daniele Vacchini e il chitarrista Diego "Blef" Dragoni, trovano in Gianluca Paterniti e Fabrizio Costa i compagni ideali per una band che sforna il primo EP autoprodotto ("Smokey Fingers", 2009) e registrano il loro primo album, "Columbus Way", per l'etichetta Tanzan Music nel 2011. Salgono sul palco per ultimi, e questo forse ha penalizzato un po' la loro esibizione in termini di pubblico a causa dell'orario e della famigerata sindrome da domenica sera che ha visto molte delle persone in sala prendere anzitempo la via di casa - un vero peccato. La loro è stata un'esibizione a dir poco perfetta, con la chitarra di Diego Dragoni che incarna al meglio lo spirito dei Lynyrd Skynyrd che si è immediatamente materializzato on stage. Il primo brano, "Balck Madame", è una gemma assolutamente imperdibile, e la voce di Gianluca Paterniti ha un carisma e un tale rispetto per sound tipico del loro stile che non lascia indifferenti. Di grandissimo effetto il singolo "The Road Is My Home", il più cantato dal pubblico che a fine serata si è ritrovato ad aver assistito a una proposta diversificata e di altissimo livello in una manifestazione all'insegna della professionalità e del talento. Una menzione speciale al fonico del Legend per aver fatto un lavoro davvero encomiabile e aver reso giustizia ai suoni di tutte le esibizioni.

 

Setlist

Black Madame
Floorwashing machine man
Rattlesnake trail
Damage is done
The road is my Home 
The basement
Proud & rebel
Stage

 

smokeyfingers18092017570

 




Speciale
PREMIERE: guarda il video di "Irene"

Intervista
Rainbow: Ronnie Romero

Recensione
Linkin Park - One More Light Live

Recensione
Bruce Springsteen - The River

Speciale
Rock in Roma 2018

Speciale
ESCLUSIVA: ascolta lo streaming di "Universi Alternativi"