Burning Witches (Laura Guldemond)
Le Burning Witches, formazione al femminile, sono tornate con il nuovo album "Dance With The Devil". Ne abbiamo parlato con la nuova cantante Laura Guldemond, che ci ha raccontato il suo ingresso nella band, i segreti dietro il nuovo lavoro e le sue aspettative per il prossimo tour, che toccherà anche l'Italia.
Articolo a cura di Mattia Schiavone - Pubblicata in data: 05/03/20

Ciao Laura, benvenuta su SpazioRock! Questa per te è una nuova sfida, visto che sei entrata nelle Burning Witches lo scorso anno. Potresti raccontarci com'è successo?



Le ragazze avevano bisogno di una nuova cantante molto velocemente e Sonia ha pensato subito a me perché ci conoscevamo già e in passato avevamo lavorato insieme. Le cose sono accadute molto in fretta perché c'erano una serie di festival da fare, quindi ho accettato subito. È stato molto naturale, ci troviamo bene insieme.

Quindi si può dire che sei soddisfatta del tuo primo periodo nella band.

Sì, assolutamente. Mi trovo molto bene con loro e ho realizzato un sogno suonando in festival come Wacken, che era tra l'altro nei giorni del mio compleanno [ride, ndr].
 

burningwitchesband1

 

Invece parlando del nuovo album "Dance With The Devil", cosa puoi raccontarci del processo di scrittura e registrazione dei brani?

All'inizio è stato un po' più lento, poi ci abbiamo preso la mano quando siamo entrate in studio. Lì anche io mi sono trovata più a mio agio, anche grazie ai feedback e confronti diretti, soprattutto con Romana. La parte finale delle registrazioni le ho concluse a casa.

Una delle prime canzoni che avete pubblicato è il singolo "Sea Of Lies", che presenta un grande equilibrio tra elementi del metal classico e quello più moderno. Cosa puoi raccontarci su questo brano e del suo testo?

Mi piace perché in quel pezzo abbiamo inserito influenze dagli anni '80 e '90, c'è equilibrio tra le parti melodiche e quelle più heavy. Per quanto riguarda il testo, mi lascio sempre ispirare dalla musica e in questo caso mi è sembrato che ci volesse qualcosa di serio. Anche Lala mi ha aiutato a scriverlo e il testo parla delle persone che si trovano in una posizione di debolezza, rispetto a chi si trova in una posizione di potere e usa questo potere in modo sbagliato.

L'anno scorso avete pubblicato l'EP "Wings Of Steel", che ha anche alcune canzoni registrate durante il vostro show a Wacken. Che ricordi hai di quella giornata?

È stato fantastico, uno dei momenti più belli della mia vita. Ho un video di quel giorno in cui la gente mi sta cantando "Tanti auguri", lo riguardo spesso [ride, ndr]. Suonare in un festival così grande è un'esperienza, si incontrano tante persone, tante band e si impara moltissimo.

A proposito degli show, pronta per il prossimo tour? Cosa dobbiamo aspettarci da questi concerti?

Di sicuro suoneremo le nuove canzoni, insieme a quelle più vecchie. Sarà fantastico, ogni show sarà pieno di energia. Suoneremo anche a Milano ad Aprile e non vedo l'ora di venire in Italia. Mi aspetto un pubblico davvero caldo!
 
burningwitchesband2

 

Al giorno d'oggi fortunatamente ci sono molte band con frontwomen o figure di spicco femminili, ma non sempre è stato così. Da questo punto di vista, durante la tua carriera hai mai avuto esperienze spiacevoli?

È una cosa che dipende molto dalle persone, come sempre nella vita. Si incontra gente più comprensiva e veri e propri stronzi. Da questo punto di vista vale lo stesso ragionamento e non sono neanche sicura che il problema stia lì, perché ci sono molti esempi di donne che sono riuscite a raggiungere grandissimi risultati anche da sole nella scena musicale. Credo che sia difficile dare una risposta corretta, perché ci sono molte variabili in gioco. Forse per quanto riguarda il metal è più accentuato questo aspetto, perché è considerato un genere più mascolino. Attualmente non sento restrizioni per la mia carriera, ma mi rendo conto che alcune persone sono più scettiche solo perché siamo donne. Ma alla fine l'unica cosa che importa è fare buona musica. La variabile più importante è quella.

  

Questa era l'ultima domanda, grazie mille per questa intervista! Vuoi lasciare un messaggio ai nostri lettori?

Certo, vorrei dare appuntamento ai nostri fan italiani al concerto di Milano, ci sarà da divertirsi! Lo show sarà pieno di energia!



Recensione
Pearl Jam - Gigaton

Recensione
Ayreon - Electric Castle Live And Other Tales

Speciale
Depeche Mode - "Violator" compie 30 anni

Speciale
Il crepuscolo magico di Ronnie James Dio

Speciale
ANTEPRIMA: guarda il video di "Shane", nuovo singolo di Jesse Malin

Intervista
Code Orange: Jami Morgan