Origin (Paul Ryan)
Si dice che a furia di vivere in un determinato posto, si finisce per diventare quel determinato posto; evidentemente anche suonare un determinato tipo di musica, influenza fortemente il carattere, come deve essere successo a Paul Ryan, chitarrista, voce e fra i membri fondatori degli Origin. Non troppe parole, risposte sintetiche, fredde, un po' come la sensazione che lascia la musica degli americani. Fortunatamente di Ryan non dovremo mai leggerci dei saggi, ci basta solo apprezzarlo per le sue indubbie capacità come musicista, il resto poco importa. Ecco dunque l'intervista a uno dei principali artefici di quella bomba atomica (non un esempio casuale... se avrete la voglia di leggere fino in fondo) che prende il nome di Antithesis, autentico capolavoro di questo 2008. Buona lettura.
Articolo a cura di Stefano Risso - Pubblicata in data: 08/05/08

Dopo Echoes of Decimation non avete fornito molte informazioni sui vostri piani futuri o sul nuovo album, c'è stato il grosso split che ha portato alla nascita degli Ummerciful, e non avete aggiornato mai il vostro sito ufficiale, fino a quando siete riapparsi con la notizia che Antithesis era pronto. Come avete trascorso questi ultimi tre anni?

Dopo il tour di Echoes of Decimation era chiaro che la band si sarebbe divisa a metà su quelli che erano i progetti futuri... Mike Flores, James Lee ed io, volevamo rimanere concentrati sugli Origin, mentre Clint Appelhanz e James King si sono dedicati agli Unmerciful. Abbiamo iniziato le audizioni per i nuovi membri, e John Longstreth ci ha detto di voler tornare con noi negli Origin. Dopo numerose esitazioni e discussioni a riguardo, è stata la cosa più giusta per la band, anche perchè Longstreth era stanco di essere un'arma a noleggio.

Cominciando a parlare del disco, credo che Antithesis sia il vostro miglior lavoro di sempre. Siete riusciti a evolvere il vostro sound senza intaccare il vostro stile caratteristico...

Come musicista sei sempre portato a sfidare te stesso sia come esecutore che come compositore, mantenendo comunque l'integrità del tuo genere musicale, senza svendersi. Personalmente, credo che la sfida più grande sia quella di spingere ancora più in là "the redline"...

origin2Penso che la supremazia di Antithesis, rispetto ai vostri album passati, sia da ricercare principalmente a livello di songwriting; questa volta avete dato l'idea di voler scrivere brani più elaborati, molto più vicini a una canzone "classica". Che ne dici?

Credo che Antithesis gratifichi tutto quello che abbiamo fatto in passato come band... Racchiude elementi di ogni nostro cd. Personalmente mi soddisfa che nessun nostro album suoni allo stesso modo.

Ovviamente non sto dicendo che i vostri brani del passato erano solo delle sfuriate brutali senza alcun significato, ma per Antithesis avete anche apportato alcuni nuovi elementi nella vostra musica, sempre con l'intento, a mio avviso, di concentrarvi meglio sulla stesura dei brani.

Sì, nell'insieme c'è un songwriting più convenzionale, e credo che gli ascoltatori si siano abituati a vedere evolversi il nostro sound. La gente comprende meglio la nostra musica ora, rispetto a quando la nostra musica era molto più estrema. Abbiamo sempre avuto due o tre brani con strutture più comuni, ma il nuovo lavoro ha un songwriting più tradizionale nella sua interezza (con questo voglio dire che con il nostro prossimo cd ci svenderemo).

L'idea di mettere The Aftermath come prima canzone disponibile sul vostro MySpace è stata molto azzeccata. Quando l'ascoltai per la prima volta rimasi quasi scioccato: ancora più potenza, più velocità, riff ancora più pazzi e intricati, rallentamenti, e il vostro primo assolo della carriera... Credo che The Aftermath sia un po' il manifesto del nuovo album, uno dei brani che rispecchia meglio il vostro livello attuale.

E' stata la nostra "WE ARE BACK" track...

Con Antithesis avete dato spazio anche al lato un po' più "melodico" della vostra musica. Mi riferisco a pezzi come Wrath of Vishnu, Finite, e Ubiquitous, ad esempio, dove ci sono anche degli slanci epici fino ad ora inediti per quanto vi riguarda. Sei d'accordo?

Io non... non vorrei definire le canzoni come melodiche. (evidentemente non ha capito al domanda. ndr)

Cosa puoi dire della title-track? E' stato un esperimento, una cosa non prevista o avevate sempre avuto l'idea di comporre un brano così lungo?

Il primo riff è venuto fuori come un riff alla Napalm Death di Scum, ed era solo un brano grind di trenta secondi... Dopo di che non so bene come si è sviluppata sino alla fine, e la canzone ha cominciato a diventare sempre più lunga. Per me rende ulteriormente migliore l'intero album, proprio per le dinamiche contenute nel brano...

In questi anni ci sono stati diversi gruppi che, chi più e chi meno, si sono ispirati al modo di concepire il brutal come gli Origin, nel senso dell'esasperazione tecnica e nel segno della velocità d'esecuzione, ma nessuno è riuscito ad arrivare ai vostri livelli... Per esempio, recentemente i Brain Drill hanno dimostrato che essere ottimi musicisti, non è sufficiente per creare ottima musica. Secondo te è proprio questo che vi rende unici nella scena?

L'imitazione è la più grande forma di adulazione... I Brain Drill l'hanno dimostrato al meglio: "essere ottimi musicisti, non è sufficiente per suonare ottima musica".

Questa volta riuscirete a mantenere stabile la line-up? Spero proprio di si...

Ci siamo messi insieme nell'idea che tutto quanto è stato fatto in modo che ognuno nella band accetti la questione, e che sia disposto a sottostare alle ragioni della maggioranza.


Credi che l'attuale formazione sia la più congeniale per la band?

Ho imparato molto da ogni singolo membro che ha suonato in questa band. Come amico, come musicista e come essere umano.

Negli anni ci sono stati sempre importanti cambiamenti nella vostra formazione, ma le vostre caratteristiche sono rimaste immutate. Cambiano i musicisti ma il vostro trademark è sempre presente... E' come se gli Origin siano una sorta di concept?

Facciamo di tutto per essere la miglior band possibile, e continuare a divertirci.

Come è il tuo rapporto coi vecchi compagni? C'è una qualche forma di "competizione" con gli Unmerciful o siete rimasti in buoni rapporti?

Come Antithesis ha creato una separazione tra Origin e Unmerciful, il loro nuovo disco farà lo stesso... Quei ragazzi sono eccezionali, non vedo l'ora di ascoltare il nuovo album. Sono miei amici e ci hanno aiutato economicamente quando si sono separati da noi. Ma al di là di tutto, è brutal death metal... Tutti sono in competizione.

 

origin1
 

 

Ho letto che fare uscire il vostro primo videoclip per il brano Finite. Puoi darci qualche anticipazione?

Non l'ho ancora visto ma è stato bello... David Brodsky della MyGoodEye, e tutta la troup, sono stati molto professionali, e ci siamo divertiti molto. Credo che sarà una grande rappresentazione della band, una volta completato. Voglio ringraziare la crew della MyGoodEye, gli EyeHardluck studios di Brooklyn e la Relapse per questa opportunità.


Puoi spiegarci il significato del titolo dell'album? E' legato a qualche brano in particolare?

Antithesis è una "proposizione contraria", e denota un contrasto diretto a quello che è stata la band (da canzoni corte con strutture non convenzionali, a brani più lunghi e con un songwriting più tradizionale). Per far risaltare questa opposizione, questo cambiamento, la band ha espresso un contrasto nel significato (definizione, interpretazione o, nell'accezione semantica) attraverso un ovvio contrasto nell'espressione come musicisti... Questo è il cd più lungo che abbiamo mai fatto... Per i testi ci siamo affidati a quello che abbiamo fatto fino ad ora. La title-track è basata su Robert Oppenheimer: "Se le radiazioni di migliaia di soli esplodessero nel cielo, sarebbero come lo splendore di questa potenza. Ora sono diventato la Morte, distruttore di mondi." (Robert Oppenheimer è stato un fisico americano che contribuì alla costruzione della prima bomba atomica. La citazione è riferita proprio agli effetti distruttivi della bomba. ndr). Per me è comico che gli Stati Uniti siano "in guerra per la pace della nostra nazione". Gli americani hanno scelto un rappresentante delle compagnie petrolifere per essere nostro leader; quando è stato eletto da un voto popolare, e quando è stato ri-eletto grazie a "BS" (riporto letteralmente. Se qualcuno conosce il significato dell'acronimo lo faccia sapere. ndr), ho capito che il mio voto non aveva più alcuna importanza. I profitti del business stanno raggiungendo livelli record mentre la middle class è stata completamente eliminata. I ricchi sono diventati ancora più ricchi, i poveri ancora più poveri... The Republican Way... Il prezzo del petrolio continua ad aumentare, mentre il dollaro americano è sempre più svalutato... Se noi investissimo nelle nostra industrie (ad esempio se le ditte automobilistiche lavorassero insieme per costruire auto non legate ai carburanti fossili e che proteggessero l'ambiente), potremmo creare una migliore economia per noi stessi, creando posti di lavoro, invece di avere soldati schierati in lande straniere, spendendo miliardi per il petrolio straniero... Uccidi per produrre pace... Questo è quello che volevo intendere nella canzone.

Puoi illustrare il vostro modo di comporre? Te lo chiedo perchè risulta un po' difficile immaginare come iniziate a lavorare su un brano... partite subito così sparati? Ahah...

Procediamo passo per passo e il metronomo comincia ad andare sempre più veloce...

Mi chiedevo se per caso componete mai materiale diverso da quello che possiamo ascoltare nei dischi, magari qualcosa di più lento, o completamente slegato al vostro stile. Penso ad esempio ad Halls of Amenti dei Cephalic Carnage... Avete qualche idea in questo senso?

Sarebbe una bella sfida, come band, fare qualcosa del genere, fin quando i nostri fan capirebbero che non stai cambiando direzione, e che tentare di fare qualcosa di differente potrebbe essere bello per un musicista. Al giorno d'oggi una canzone da Necroticism è considerata una "ballata", a causa di qualche ritmo più lento, "dall'elite dei fan del brutal", nonostante siano ottime canzoni... Internet è un luogo aspro...

Credo che Antithesis sarà, senza dubbio, il miglior disco brutal dell'anno, a pari merito con il nuovo album dei Decrepit Birth. Penso che questi dischi siano i migliori esempi della bellezza e della varietà che il brutal può ancora offrire ai giorni nostri, così distanti nonostante facciano parte dello stesso genere. Secondo te quale sarà il futuro del brutal?

Non credo che ci saranno grandi uscite quest'anno, almeno dalle preview che ho ascoltato... Il nuovo cd degli Hate Eternal è il disco più brutale da qualche tempo a questa parte, ma è molto lontano dai miei standards, anche se alcune nuove band hanno fatto degli ottimi lavori (Hour of Penance e, Severed Saviour)... Fin quando i musicisti continueranno a sfidare se stessi, posso solo sperare che la musica sia sempre migliore.

Ok Paul, abbiamo finito. A te la chiusura, grazie mille.

Date un occhio alla nostra pagina MySpace e lasciate un commento. Ci vediamo in tour!




Recensione
Satyricon - Rebel Extravaganza [Remastered]

LiveReport
Ghost - A Pale Tour Named Death 2019 - Mantova 05/12/19

Intervista
Skillet: John Cooper

Recensione
Nightwish - Decades: Live In Buenos Aires

Speciale
Toliman - Abstraction

LiveReport
Cult of Luna – European Tour 2019 - Milano 03/12/19