Journey (Jonathan Cain)
Un grande gruppo che ha segnato la storia del rock e continua a volerla segnare con un nuovo bellissimo album, intitolato "Eclipse". SpazioRock è lieto di offrirvi un'altra delle sue anteprime: un'intervista sincera ed interessante a Johnatan Cain dei Journey! Buona lettura!
Articolo a cura di Gaetano Loffredo - Pubblicata in data: 13/06/11

Ciao Jonathan! "Eclipse" è un nuovo grande album dei Journey: siete pronti a dominare il mondo... una volta ancora?


Siamo pronti a conquistare il mondo, ed andremo ovunque! Abbiamo iniziato questo tour in Sud America e suonato in dieci paesi diversi dell'America Latina. Adesso siamo in Europa, suoneremo nel Regno Unito, in Svezia, andremo in Germania e poi giù in Italia. Il prossimo anno ci sono progetti per suonare n Australia, Asia, e possibilmente nei paesi dell'est Europa.


Siete sicuramente una delle più famose ed importanti formazioni rock al mondo. Com'è cresciuta la vostra fama dopo la celebre serie tv "Glee"? Ora anche i bambini cantano "Don't Stop Believin".


Glee ha aperto le porte ad una nuova generazione di fan dei Journey, questo è sicuro. E' una delle canzoni più scaricate da iTunes, con circa 4,5 milioni di download! Abbiamo nuovi fan da tutto il mondo e li vediamo nei nostri spettacoli negli Stati Uniti ma anche all'estero.
Quando Glee è andato in onda per la prima volta, i miei figli adolescenti mi hanno detto che lo show sarebbe stato un successo e che la nostra canzone sarebbe stata al centro dell'attenzione. Non ho mai pensato che potesse essere nominata pure per un Grammy! Siamo onorati e grati per il successo che ha avuto la nostra canzone.


E magari avete avuto la possibilità di incontrare gli attori di Glee?


No, non li abbiamo incontrati personalmente.


Per la prima volta in assoluto sarete in Italia il prossimo giugno. Avete in programma qualcosa di speciale per i fan italiani?


Conquisteremo i fan italiani come facciamo con il resto del mondo.


Ci spieghi come mai un gruppo così famoso non ha mai suonato in Italia prima d'ora?


Mi hanno detto che l'Italia è un mercato difficile per le rock band americane. La nostra etichetta, la Frontiers, in questa occasione ci ha aperto una porta e speriamo che dal nostro show ne seguano altri per i prossimi tour.


intervista_journey_pic02
 
Sin dalla formazione nel 1973, i Journey hanno aggiunto ben 19 Top 40 con i singoli e vinto 25 tra dischi d'oro e di platino. Quale sarà il vostro prossimo obiettivo da raggiungere?


Siamo pronti a conquistare il mondo, ed andremo ovunque! Abbiamo iniziato questo tour in Sud America e suonato in dieci paesi diversi dell'America Latina. Adesso siamo in Europa, suoneremo nel Regno Unito, in Svezia, andremo in Germania e poi giù in Italia. Il prossimo anno ci sono progetti per suonare n Australia, Asia, e possibilmente nei paesi dell'est Europa.


Andiamo al dunque e parliamo del nuovo album: puoi dirci qualcosa sul processo di composizione del nuovo "Eclipse"?


Dopo aver scritto "City Of Hope" in una stanza di hotel a Manila, ero inspirato da Arnel e dalla sua storia. Avevamo bisogno di un album che potesse esprimere la sua personalità e i nostri principi. Sarebbe stato l'album rock che Neal avrebbe voluto fare da tempo. Neal ed io abbiamo iniziato a comporre il resto delle canzoni a febbraio. Abbiamo usato il nostro studio, a Wildhorse a Marin County e abbiamo lavorato ad intervalli di due settimane. Da li poi ho portato le tracce a casa a Nashville, completato i testi e le bozze sulla voce. Diversamente agli altri album, siamo andati in studio senza provare. Kevin Shirley aveva poche settimane libere, quindi abbiamo deciso di farlo al volo. Avevo registrato le demo a Wildhorse con Neal e fatto un CD per tutti di modo che tutti avessero un'idea di cosa avessimo intenzione di fare. In quel periodo, Arnel era in tour a raccogliere fondi per la sua fondazione ed era venuto due settimane prima della registrazione. Abbiamo scritto "She's A Mystery" ed ha portato una canzone con se "To Whom It May Concern". Kevin era a capo della produzione e abbiamo registrato delle grandi canzoni in fretta. Ci siamo fermati perché a Ross era venuta la febbre e non ha potuto prendere parte per una settimana, quindi le cose sono rallentate un attimo proprio nel bel mezzo del progetto. Però siamo riusciti a tornare in studio presto e abbiamo concluso "Chain Of Love", "To Whom It May Concern" e "Resonate".


Un momento nostalgico e intenso è stato registrare le nuove e cantare le vecchie canzoni nello stesso momento, nei Fantasy Studios a Berkeley in California, ci siamo uniti dietro il microfono e abbiamo cantato "Don't Stop Believin'", "Stone In Love" e "Who's Cryin'".


Ed poi, l'infinito cerchio tantrico stava entrando in gioco davanti a noi. Dopo aver cantato i cori in "Tantra", Deen era così commosso che piangeva, e mi ha abbracciato. Stava iniziando a prendere forma ed ora il nostro cerchio mistico stava per essere completato.
Nelle ultime settimane ho elaborato con Neal le canzoni "Resonate", "Chain Of Love", "Human Feel" e "Ritual". Avevamo intenzione di registrare cinque o sei canzoni, ed abbiamo finito con farne dodici in circa cinque settimane.


Posso dirti che si tratta di un disco che ha un impatto espressivo maggiore rispetto a quello precedente, "Revelation". Sei d'accordo?


Si. E' lontano rispetto a quello che abbiamo fatto fino ad ora. Sentivamo che era l'ora di provare qualcosa di graffiante. Amo il concept dei testi nella musica rock, una cosa molto cinematografica. I Journey sono stati sempre come dei camaleonti quindi questo disco ha proprio poco del nostro lato pop.. e molto del nostro lato rock.


Il primo singolo "City Of Hope", è una canzone aor tipica... puoi dirmi qualcosa in più su questo pezzo?


Come detto prima, io e Neal l'abbiamo scritta in una stanza d'hotel mentre registravamo il DVD a Manila. Stavamo anche realizzandone un documentario quando la canzone quando era agli inizi. L'abbiamo composta in tre ore. Il testo ha preso corpo dopo aver fatto il giro per Manila e aver visto i posti in cui Arnel è cresciuto in cui ho notato che pure i bimbi più poveri per strada ti salutavano mentre passavi. Loro veramente non smettono di sperare nonostante vivano nella povertà.


intervista_journey_pic03

Quali altri canzoni nell'album pensi che siano rappresentative, e perchè?


Penso che "Anything Is Possible" sia un grande messaggio da mandare ai giovani in tutto il mondo. "Resonate" e "Edge Of A Moment" sono canzoni sensuali, che guardano ai legami tantrici e fisici che gli amanti sentono l'uno con l'altro. "Chain Of Love" è una canzone grezza dell'est accompagnata da una chitarra che esamina l'idea tantrica dei pensieri passati nella tua mente che ti fermano. La canzone "Tantra" è il credo del cerchio tantrico "molti sono uno". Ti da la possibilità di esaminare la tua anima e come si relaziona con l'universo, cose molto potenti.


Ho letto che sentivi che fosse tempo di mandare un messaggio al mondo circa i tuoi sentimenti verso la vita in generale. Quindi ti chiedo... Che tipo di messaggio e che tipo di sentimenti?


Neil ed io ci siamo immersi nel concetto di Tantra, che vuol dire telaio, ed è un antico credo Hindu in cui tutta l'energia è connessa in un cerchio infinito. Se tiriamo fuori dalla mente tutti i nostri pensieri possiamo trovare la pace e l'illuminazione, da un punto di vista spirituale tramite la meditazione, e da un punto di vista fisico tramite yoga ed incontro sessuale.
In un mondo tecnologico con i media che ci circondano, abbiamo pensato che fosse un buon messaggio per dire di rallentare ed analizzare come la tua anima possa relazionarsi con Dio e con l'universo.


Puoi parlarci di come alcune di queste esperienze di vita si sono manifestate nelle vostre canzoni?


"Eclipse" è il culmine di queste esperienze di vita. Vivi la vita ora, pienamente giorno per giorno.


Cosa faranno i Journey prossimamente?


Fare tour per il mondo e rendere la nostra band un brand mondiale.


C'è qualcosa di cui non abbiamo parlato e che vorresti aggiungere?


Siamo contenti di suonare in luoghi in cui non abbiamo mai suonato prima. L'Italia è stato uno dei nostri obiettivi ed una delle opportunità per cui abbiamo atteso molto. Spero vi piaccia il nostro show!




Intervista
Cindy Blackman Santana: Cindy Blackman Santana

Speciale
L'angolo oscuro #11

Speciale
Stardust - Highway To Heartbreak

Speciale
Sinner's Blood - The Mirror Star

Speciale
Keep Playing, Eddie!

Speciale
Intervista - The Blackmordia (Peter; Max)