Tarot (Marco Hietala)
In occasione della ri-edizione del debut album dei Tarot "Spell Of Iron", abbiamo raggiunto uno dei personaggi più carismatici della scena metal scandinava e mondiale: Marco Hietala si racconta sulle nostra pagine svelandoci anche qualche gustosa anteprima sul prossimo studio album targato Nightwish. Buona lettura!
Articolo a cura di Davide Panzeri - Pubblicata in data: 30/04/11

Ciao Marco, benvenuto tra le pagine di SpazioRock. E’ un onore poterti intervistare, ma prima di tutto come stai?

Tutto bene grazie!

Il 6 di Maggio verrà pubblicato “Spell Of Iron MMXI”, la ri-edizione del vostro album di debutto ormai datato 1986. Perché questa scelta? E’ un modo per celebrare i 25 anni di carriera?

Si, abbiamo ri-registrato l’album solo per questo anniversario. Lo abbiamo inciso con la massima serietà che uno studio album necessita, quindi è un qualcosa di totalmente nuovo.

Vi siete divertiti a incidere nuovamente i brani?

Abbiamo registrato da capo tutto e ci siamo davvero divertiti nel farlo. L’originale del 1986 è ormai considerato il pioniere della musica Heavy Metal finlandese, ne siamo ancora molto orgogliosi e volevamo che questa riedizione avesse davvero qualcosa di diverso. La struttura delle canzoni e le basi sono sostanzialmente le stesse, erano già pronte, ciò ci ha dato la possibilità di concentrarci sugli arrangiamenti in modo che riflettessero quello che la band è oggi.

 

marco_hietala

Sulla copertina originale la mano stringeva un tarocco, mentre su quella nuova c’è una carta di credito, perchè? I tempi sono cambiati?


Sostanzialmente è un modo ironico per dire che vorremmo la Black American Express su quella mano ossuta. Praticamente ottieni la carta una volt ache il tuo conto bancario supera il milione di dollari. Dato che noi non possediamo quella cifra, anche dopo 25 anni di onorato servizio, non volevamo che i legali dell’American Express ci telefonassero per denunciarci e quindi abbiamo optato per una carta che non esiste ma che ci somiglia.

 

In Finlandia i Tarot sono più o meno un’istituzione, ma nel resto d’Europa non siete così famosi nonostante suoniate una musica molto moderna. Secondo te perché?

Diciamo solo che abbiamo avuto un sacco di contatti sbagliati, business man sbagliati e poca fortuna; potremmo anche aver preso decisioni sbagliate noi stessi … Ad ogni modo, è tempo di vivere il presente, le cose vanno molto meglio ora.

 

Ad essere onesti non ho mai ascoltato l’originale “Spell Of Iron”, ma devo ammettere di essere rimasto piacevolmente sorpreso da questa riedizione. Devo procurarmi l’originale? Quale versione per te è la migliore?

Di certo ho ascoltato quello nuovo recentemente ma non credo di essere qualificato a giudicare I due. Come ho detto: il vecchio album è considerato una pietra miliare, quello nuovo è probabilmente di più facile ascolto per i nuovi fan.

“De Mortu Nil Nisi Bene” è una strumentale con i controfiocchi, ma esattamente cosa significa?

"Non dovresti dire brutte cose verso i morti”.

State pianificando un tour?

Abbiamo una bozza pianificata ma dovremo vedere se avremo sufficiente tempo per tutto, cambierò ancora una volta band quando i Nightwish saranno attivi. Certamente ci piacerebbe suonare in Italia, purtroppo però non ho ancora informazioni concrete a riguardo.

Purtroppo per te qualche domanda sui Nightwish a questo punto è necessaria. Com’è andata la registrazione del vostro nuovo album “Imaginarium”?

L’album è già stato interamente registrato e il mixaggio ha preso il via. Abbiamo ancora il film in lavorazione e quindi la data di pubblicazione è fissata per inizio 2012. Mi spiace per questo, l’attesa è una brutta bestia!

Musicalmente continua quello che abbiamo sentito in “Dark Passion Play” o ci sarà qualcosa di completamente differente?

Beh, riconoscerete la band e il suo stile. Ci saranno alcune differenze rispetto al predecessore, ma non sono pronto a dirti in quale misura. Personalmente adoro il nuovo materiale e penso che sarà un “killer album”.

Suppongo stiate anche organizzando un mega tour mondiale…

Yeah! Ma non delle dimensioni megalomane dell’ultima volta

marcohietala_01Domanda di rito che pongo a tutti gli intervistati: Cosa ne pensi di internet al girono d’oggi? Intendo social networks, pirateria, etc…

Internet come strumento è ok, i social network sono ok, la pirateria “sucks” (rende meglio in lingua inglese, ndr). Bruciate all’inferno ladri!

Cosa ti piace di più: suonare il basso o cantare?

Il canto definisce maggiormente la mia personalità ma non potrei immaginare di vivere senza suonare. Non riesco davvero a decidere, mi spiace.

Ho letto sul vostro sito che quando non siete in tour ti piace leggere, giocare ai videogames e guardare film. Dimmi il tuo preferito in ciascuna di queste tre categorie…  

Ce ne sono molti, provo con questi:
Libro: David Brin - Startide Rising
Videogame: Dragon
Film: Schindler´s list

 

Hai davvero una barba lunghissima (te l’invidio parecchio). Quando è stata l’ultima votla che l’hai tagliata?

 

Non l’ho mai tagliata per una decina d’anni o più. Occasionalmente brucio l’estremità quando diventa troppo irregolare.

Ok Marco è tutto. Grazie dell’intervista e te le ultime parole. Ciao!

Saluto tutti i nostri fan e mi raccomando, continuate a spalmare l’aglio nella salsa di pomodoro. Lo adoro!




Speciale
L'angolo oscuro #11

Speciale
Stardust - Highway To Heartbreak

Speciale
Sinner's Blood - The Mirror Star

Speciale
Keep Playing, Eddie!

Speciale
Intervista - The Blackmordia (Peter; Max)

Intervista
Trident: Svart