Avatar (Johannes Eckerstrom)
Abbiamo raggiunto Johannes Eckerström, cantante degli Avatar, per parlare della loro ultima creatura, e di come essa rappresenti una boccata d'aria fresca all'interno del death metal melodico. Buona lettura!
Articolo a cura di Fabio Rigamonti - Pubblicata in data: 28/02/10
Sentite ragazzi, siete in giro dal 2006, ma credo che oggi il vostro nome sia diventato un poco difficile da gestire dopo l’esplosione mondiale del film di James Cameron…ho forse torto?

Guarda, non ci ha danneggiato in alcun modo. Se proprio, adesso il nostro nome la gente se lo ricorda più facilmente (risate). Alla fine, la gente che segue con interesse questo tipo di musica in un modo o nell’altro di avrebbe scoperto comunque, e ti dirò che alla fine noi prevarremo, perché siamo meglio dei Puffi di James Cameron!

Cominciando a parlare del vostro album omonimo, credo che sia molto più rock’n’roll rispetto ai vostri dischi precedenti. Sei d’accordo con me? Perché è così?

E’ così semplicemente perché volevamo che fosse esattamente così. Volevamo musica con più fuoco e groove dal vivo, e le nuove canzoni sono state scritte con l’unico obiettivo di essere suonate bene in sede live. Inoltre, volevamo unire le nostre radici heavy con la musica rock’n’roll con cui siamo cresciuti e che da sempre amiamo.

Avatar giunge solo adesso in Europa, ma è uscito in Svezia a novembre. Quindi, siete soddisfatti dai risultati che questo album ha raggiunto nella vostra madrepatria?

Abbiamo appena cominciato a promuoverlo, ma sì, siamo soddisfatti. La gente ha accettato i cambiamenti che abbiamo fatto a braccia spalancate, e riteniamo che questa sia la cosa fondamentale. Credo che la gente fosse rimasta in attesa di una musica come questa per un bel po’ di tempo.

Pensando ad un aggettivo che possa definire interamente il vostro ultimo lavoro, mi viene in mente “sorprendente”, per via della sua estrema varietà e ricchezza di stili, che lo rende molto interessante. Cosa ne pensi? Quale parola useresti tu per racchiudere il vostro album?

Questa è davvero una domanda difficile, ma ti direi “fresco”. E’ una miscela così forte di elementi classicamente heavy metal, però mischiati in modo molto moderno. Credo che non ci siano molte band che tentano di raggiungere nuovi picchi vocali nel modo in cui noi abbiamo tentato sul nostro lavoro, ad esempio.

avatar_2010_01iniTrovo sia anche sorprendenti i momenti estremamente punk/hardcore che nascono in “Roadkill” ed esplodono su “Pigfucker”. Come vi sono usciti questi due pezzi?


Abbiamo cominciato suonando insieme death metal, quindi quei riff sono in pratica nel nostro sangue. E’ ancora molto divertente mantenere vivi quegli elementi nei nostri lavori, inoltre donano un livello extra di dinamismo che ha effetto sull’intero album.

Com’è stato lavorare con Tobias Lendell? (uomo dietro al mixer in questo lavoro, nonché già al lavoro con gli Europe n.d.r.) Cosa credete che abbia apportato al vostro sound nella fase di mixing? (io suggerisco il mood rock’n’roll, ma la risposta è sicuramente in mano vostra! – risate)


Il mood rock’n’roll è stata una nostra idea sin dal principio, quello che Tobias ha fatto più che ogni altra cosa è stato emozionarsi molto di fronte all’intero progetto e di farlo suonare magnificamente, oltre ogni nostra immaginazione. Ha aggiunto anche moltissimi samples fichi e sintetizzatori, ed ha mostrato molto coraggio rieditanto alcuni brani. Diciamo che ha reso le cose molto più divertenti divertendosi con esse. Grand’uomo. Grande sound.

I vostri artwork sono pieni di ispirazione da fumetti e cartoni animati. Quali sono i tuoi lavori preferiti, in termini di fumetti e cartoni animati?

Hmm…questa è una bella domanda, visto che non abbiamo mai preso come ispirazione i fumetti! Gli artwork sono il risultato delle nostre riflessioni mischiate con lo stile di Philippe von Preuschen, ovvero mio cugino, ovvero colui che cura le nostre copertine sin dal day one. Chiarito questo, ti posso dire che io, personalmente, sono un gran fan di Hayao Miyazaki (buongustaio! N.d.r.), mentre le uniche opere di animazione che amiamo condividere nella band sono Family Guy e South Park! (risate)

Vi siete fatti strada nel mondo della musica quando eravate molto giovani…in effetti, siete ancora molto giovani! Credete che sia un beneficio di questi tempi? Voglio dire: iniziare presto, e maturare il più velocemente possibile…

Non ci sono forse un mucchio di giovani band che nascono praticamente ogni giorno? In Svezia, chiunque fa parte di una band. In un certo qual senso, credo che ci faccia bene essere giovani, ma ciò non significa che ci avrebbe aiutato in qualche modo se avessimo fatto schifo. Credo semplicemente che sia molto facile qui da noi in Svezia cominciare a suonare quando sei un ragazzo, e noi siamo stati molto fortunati a trovarci tutti insieme abbastanza presto.

Ho appena finito di vedere l’ultimo video dei Dark Tranquillity, “Shadows In Our Blood”, e sono in spasmodica attesa che il nuovo album venga rilasciato. Cosa ne pensate di loro? (sapete: siccome siete di Goteborg, è praticamente inevitabile una domanda su qualche vostro concittadino! – risate)


Sono favolosi, certamente! Una fantastica band e ragazzi davvero simpatici. Personalmente, sono diventato fan da poco, da quando è uscito Fiction. Detto questo, credo che noi Avatar stiamo portando la nostra musica in una direzione ben diversa da quella che è stata tracciata da Goteborg per lungo tempo.

Ok, adesso avete il vostro ultimo album rilasciato su tutto il mercato europeo, quindi possiamo aspettare di vedervi in Italia presto?

Siamo stati lì da voi, sai? Come supporto degli Hardcore Superstar l’anno scorso, promuovevamo il nostro ultimo singolo “The Great Pretender” ed è stata pura magia. Amiamo suonare in Italia ed è stato fantastico riuscire a fare un paio di città in più del solito, come Roncade e Roma. Quindi, non appena torneremo ad avere l’opportunità, non ti preoccupare che torneremo sicuramente! Figurati che ho anche dei parenti in Italia, quindi questa è un’ulteriore ragione per tornare da voi il prima possibile!

Siamo alla fine di questa intervista! Nel ringraziarti per il tempo che ci hai concesso, ti lascio questo spazio se hai qualcosa da dire a tutti i nostri lettori.

Semplicemente, controllate per tempo quando saremo da voi in tour, in modo tale che possiamo cantare tutti quanti insieme! Controllate www.myspace.com/avataronline e www.avatar.net e rimanete collegati sul nostro canale Youtube www.youtube.com/avatartube. Ci vediamo, statemi bene!


Recensione
Bruce Springsteen - Letter To You

Recensione
Fever 333 - Wrong Generation

Intervista
Cindy Blackman Santana: Cindy Blackman Santana

Speciale
L'angolo oscuro #11

Speciale
Stardust - Highway To Heartbreak

Speciale
Sinner's Blood - The Mirror Star