Green Day's American Idiot (Roberta, Marco, Orazio)
Domenica 12 febbraio, al Teatro della Luna di Milano, si terrà l'ultima battuta della trasposizione italiana del musical Green Day's American Idiot ispirato alle musiche della band di Billie Joe Armstrong. Dopo aver conosciuto meglio il regista Marco Iacomelli e i protagonisti maschili del cast, stavolta è il turno di scoprire come questa particolarissima esperienza teatrale è stata vissuta dai tre dei quattro musicisti che compongono la band.
Articolo a cura di Marta Scamozzi - Pubblicata in data: 10/02/17
Roberta Raschellà (Chitarre)

 
chitarra_roberta_raschella.Nel corso dell'esibizione, voi musicisti siete distribuiti sulle impalcature ai bordi del palco, sparsi. Le vostre posizioni attirano l'attenzione sulle singole performance e, allo stesso tempo, vi rendono parte integrante della scena. Che cosa comporta per voi suonare in condizioni così particolari? È difficile non poter avere un contatto diretto visivo con i tuoi compagni di band?
 

Per me è la prima esperienza nel campo del musical: arrivando da esperienze di tour e concerti live non trovo strana la presenza di noi musicisti sul palco, cosa che effettivamente in questo mondo accade di rado, quanto, invece, piuttosto particolare l'essere lontana dagli altri componenti della band.

 

Diciamo che la musica, e l'arte in genere, sono sicuramente sinonimo di unione e condivisone, e poter interagire anche a livello visivo con i propri colleghi rende l'espressione artistica del momento più fluida e semplice. Ma devo ammettere che, nonostante le nostre posizioni sparse, siamo riusciti a creare un bel feeling musicale e a ritagliarci i nostri momenti di contatto visivo che aggiungono colori e sfumature, per noi, allo show (leggi qui il nostro racconto della prima). Credo che l'essere dislocati in questo modo ci aiuti ad essere anche spettatori di ciò che succede al centro del palco, ad interagire con il cast e a catturare tutta l'energia e la grinta che ci regalano loro, condividendo arte ed emozioni in 25, non solo in 4.

 

Marco Parenti (Batteria)

 

batterista_marco_parenti.In alcuni momenti dello spettacolo, tu interagisci attivamente con gli attori. Questo mi fa pensare che abbiate lavorato parecchio con il resto del cast anche durante le prove, o mi sbaglio? Hai trovato qualche differenza, in questo caso, rispetto alle tue precedenti esperienze lavorative in simili contesti?


Si, abbiamo lavorato molto con il cast durante l'allestimento dello spettacolo. A parte qualche giorno in studio solo con la band, per tutto il resto delle prove siamo sempre stati sul palco con i ragazzi, anche se in realtà i miei momenti di interazione con gli attori di cui parlavi sono nati in maniera molto spontanea e veloce, da suggerimenti del regista Marco Iacomelli.


Sicuramente questo spettacolo è un'esperienza decisamente differente rispetto alle mie precedenti in simili contesti. Basti pensare che solitamente in un musical la band non è in scena, ma è collocata in buca, ovvero sotto al palco. Questo significa che non c'è alcuna possibilità di interazione con il cast, non ci si vede neanche, ci si "ascolta" e basta. Qui invece la situazione è molto più vicina a quella di un concerto live, dove si è a stretto contatto e ci si trasmette molta più energia!

 

 

Orazio Nicoletti (Basso)

 

basso_orazio_nicoletti.Nella tua esperienza di musicista, come cambia, in pratica, il tuo approccio allo stesso pezzo suonato dentro e fuori un musical?

 

A livello di energia non ho un approccio differente quando suono in un concerto o in un musical: in particolare "Green Day's American Idiot" è un vero e proprio concerto, la band è sul palcoscenico dall'inizio alla fine e i momenti recitati sono pochi. E' un live con un'energia fortissima.




Intervista
Morbid Angel: Steve Tucker

Speciale
ESCLUSIVA: ascolta in streaming "Blues from Hell - The Legend of the Courageous Five"

LiveReport
Helloween - Pumpkins United World Tour - Milano 18/11/17

Speciale
"Awakening Beyond": come incontrarsi in un campo di pura potenzialitŕ

Speciale
ESCLUSIVA: guarda il nuovo video dei The Clan feat. Punkreas

Intervista
Marlene Kuntz: Cristiano Godano